• Home
  • News
  • Cultura
  • Gucci Prospettive 1: Milano Ancora

Gucci Prospettive 1: Milano Ancora

Scritto da Isabella Naef

loading...

Scroll down to read more

Cultura

Sabato De Sarno, credit Riccardo Raspa, courtesy of Gucci Credits: Gucci
In attesa della sfilata di Gucci che segna il debutto di Sabato De Sarno alla guida della griffe fiorentina, in agenda venerdì 22, per le vie di Brera, a Milano, va in scena Gucci Prospettive. Il progetto consolida l’impegno del direttore creativo nel cercare e sottolineare un dialogo tra arte e moda. Le pubblicazioni, infatti, accompagneranno di volta in volta le collezioni Gucci. Stefano Collicelli Cagol, (PhD), direttore del Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato e già curatore della Fondazione La Quadriennale di Roma (2018-2021), ha interpretato la visione per il primo capitolo, Gucci Prospettive n.1, Milano Ancora.

Il volume è una lettera d’amore a Milano. Al suo interno le opere d’arte incrociano letteratura, musica, cinema, moda e storia, raccontando in alcuni frammenti la storia culturale e artistica della città, dal secondo dopoguerra a oggi. In una staffetta senza sosta, gli artisti e le artiste coinvolte raccontano della città come luogo di bellezza e carnalità e, al di là di narrazioni tradizionali, immaginano nuovi spazi e nuovi sé.

I lavori di Cristiano Rizzo, Martino Santori, Noura Tafeche, Valerio Eliogabalo Torrisi, selezionati da Sabato De Sarno insieme all’Accademia di Belle arti di Brera, di cui sono stati alunni, sono inseriti nella pubblicazione e presentati in una galleria temporanea di via Fiori Chiari, aperta al pubblico dal 19 al 23 settembre.

Cover Gucci Prospettive Credits: Gucci
Gucci