Il settore della moda cinese fatica ad attirare i Millennial

Shanghai – Mentre la Cina sta per superare gli Stati Uniti, come il più grande mercato dell’abbigliamento del mondo, il futuro dell’industria della moda del Paese è ancora incerto.

Le aziende della moda cinesi devono ancora capire come attirare i Millennial e le generazioni successive mentre il costo della manodopera spinge sulla automatizzazione della produzione e sul mutamento della loro strategia del marchio. Diversamente dai loro predecessori, i consumatori cinesi nati dopo gli anni ’80 sono attratti dall’individualismo. Il nuovo consumatore individualista è stato, infatti, oggetto di ispirazione del tema "Hi Me" presente alla più importante fiera della moda in Cina, Chic Shanghai, che si è svolta dal 12 al 14 marzo.

“La trasformazione che il nostro settore e l’intera economia stanno affrontando è ripida quanto una scogliera", ha affermato Zhao Weiguo, professore presso la facoltà di moda della Zhejiang Sci-Tech University, durante una presentazione alla fiera. “Ciò significa che esiste un notevole divario tra passato e futuro e ciascuno deve decidere come superarlo".

Una crescente pressione del mercato

La Cina potrebbe superare gli Stati Uniti come maggiore mercato della moda a livello mondiale nel 2019, ha affermato la società di consulenza McKinsey, lo scorso novembre. Ma il mutamento del Paese da leader a livello mondiale nella produzione di abbigliamento a principale mercato mondiale della moda potrebbe non essere così facile per molti dei suoi produttori data l’elevata concorrenza.

Il settore della moda cinese fatica ad attirare i Millennial

Ciononostante i produttori non mancano. Il numero di espositori presenti a Chic è aumentato del 14 per cento con 1.365 espositori in più rispetto all’anno scorso nella trasformazione in atto nel mercato della moda cinese. “Il mercato e le società sono confrontati a parecchie pressioni,” ha affermato durante una conferenza stampa Chen Dapeng, vicepresidente della China’s National Garment Association e organizzatore della fiera.

Secondo Chen, i consumatori tendono a concentrarsi di più sulla qualità degli indumenti più che sulla loro quantità, inoltre la tecnologia ha notevolmente modificato il modo in cui i consumatori acquistano i vestiti.

Tecnologie come l’intelligenza artificiale aiuteranno le aziende a raggiungere i propri clienti evitando approvvigionamenti eccessivi, il tutto, ovviamente, limitando i costi, mentre i salari dei lavoratori tessili sono in aumento. Inoltre, una parte della produzione tessile attualmente effettuata in Cina si sposterà nella Cina centro-occidentale, sudorientale e nell’Asia meridionale oltre che nel Nord Africa, secondo Chen.

“In qualità di Paese con la maggiore produzione, è impossibile che tutta la produzione della Cina si trasferisca all’estero,” ha affermato. “Dobbiamo migliorare il valore aggiunto dei prodotti con il design.”

Dilemma Millennial

Mentre il settore tecnologico della Cina ha generato nomi importanti a livello internazionale come Huawei o Alibaba, un marchio di moda equivalente non è ancora emerso.

I capi in morbido cashmere e i giubbotti imbottiti in rigogliosa piuma che si allineano negli stand al Chic dimostrano l’elevata qualità ottenuta dai produttori nazionali. Tuttavia, la risalita della catena dei valori richiede design e branding per attirare i consumatori. In Cina è fondamentale per comprendere le svariate richieste e in rapida evoluzione dei consumatori nati dopo il 1980, sempre più influenzati dai loro coetanei occidentali. Il potere di acquisto di questi gruppi, che conta attualmente circa 410 milioni di persone, potrà solo crescere nei prossimi anni.

Il settore della moda cinese fatica ad attirare i Millennial

“Lavorando nell’era di internet e dei Millennial, le società di moda cinesi hanno un potenziale enorme da scoprire, c’è un mercato futuro enorme che ci aspetta,” ha affermato Lu Shan, vicepresidente dell’azienda di moda con sede a Chengdu, Rady Boer Enterprise, nel corso della sua presentazione al Chic.

Secondo Lu, molti affermati marchi nazionali cinesi attirano i consumatori provenienti da piccole città, quelli nati negli anni ‘70 o prima e quelli che hanno tendenza ad apprezzare i prodotti che espongono la situazione ottenuta durante la forte crescita economica della Cina nel corso degli ultimi due decenni.

La generazione dei Millennial, invece, è nata relativamente ricca e nell’era di internet. Soffre di sentimenti di incertezza e pressione nel mantenere il proprio standard di vita in equilibrio con l’aumento dei prezzi immobiliari nelle grandi città, ciò potrebbe spiegare la passione per lo shopping online, i marchi internazionali, le innocenti e infantili motivazioni e i prodotti che la fanno stare bene, tendenze che fanno parte di tutto quello che la Cina definisce “comunità terapeutica”.

Dinamica e diversa

“All’inizio non è stato facile, ma adesso abbiamo una certa conoscenza del mercato,” ha affermato Miao Jie di Guangzhou in merito al suo marchio Emc fondato nel 2012. La sua collezione associa lo streetwear alle influenze orientali, come, per esempio il motivo di una fenice ricamata sui giubbini di jeans o un vestito con il collo alla coreana a riquadri beige e neri. Mentre il suo marchio rappresenta il 20 per cento delle vendite, la sua società continua a guadagnare gran parte dei propri introiti producendo per altri marchi.

Miao Jie espone nella sezione “Impulses” a Chic, una sezione che ha messo l’accento sui marchi del proprio stilista in Cina. Quando gli è stato chiesto in che modo il fashion design sarebbe potuto evolvere in Cina, ha risposto: “abbiamo bisogno di tempo per sviluppare e pensare, ma abbiamo anche la pressione di guadagnarci da vivere".

La vastità del mercato della moda cinese può essere scoraggiante ma anche promettente per le società internazionali. Il mix di marchi presenti all’Hkri Taikoo Hui, uno sfarzoso centro commerciale di Shanghai che ha aperto nel 2016, è abbastanza rivelatore sulle possibilità a disposizione delle società internazionali.

Circondato dal lusso internazionale fino ai marchi di costo medio come Coach, Issey Miyake, Geox e Dutch il marchio di jeans di Denham nei piani bassi, comprende anche negozi di marchi di stilisti minori quali il tedesco Damir Doma, dove una camicia bianca, in fresco cotone con particolari annodati sui fianchi, è venduta a più di 4.000 yuan (520 euro). Lo stesso centro ospita inoltre i marchi definiti di design cinese come Aun, che vende prodotti dai 1.500 yuan in su.

Il settore della moda cinese fatica ad attirare i Millennial

Mentre i consumatori cinesi diventano sempre più consapevoli, non basta più essere un semplice marchio occidentale. “Andiamo a dare un’occhiata ai marchi italiani,” ha detto un’acquirente, trascinando dietro di sé un trolley, a due colleghe presenti a Chic. “No, non andiamo, è inutile,” hanno risposto le colleghe. “Questi vestiti non andranno bene ai cinesi ed è comunque tutto prodotto in Cina".

Ciononostante Chic funge ancora da punto di ingresso per i marchi internazionali che vogliono entrare nel mercato cinese. “Moltissimi clienti cinesi acquistano nel nostro negozio a Francoforte", ha detto Achim Bruder, direttore generale del produttore tedesco di accessori in pelle Abro. “Ecco perché sappiamo che il nostro marchio ha clienti in Cina che per noi rappresenta davvero un grande mercato".

L’enorme e diversificato mercato è inoltre visto come un’opportunità per i marchi internazionali che desiderano trovare la propria nicchia. “I cinesi stanno diventando consumatori sempre più consapevoli. Stanno inoltre sviluppando una maggiore attenzione al dettaglio", ha affermato Francesco Carpineti, direttore commerciale del calzaturificio italiano Future Fashion. La sua società ha già iniziato a vendere scarpe personalizzabili nei grandi magazzini in Cina. “Rappresenta anche un’opportunità per i progetti più piccoli come il nostro".

FashionUnited è stata invitata dagli organizzatori a visitare la fiera Chic a Shanghai.

Foto: FashionUnited

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO