Lana d'alpaca e cotone Pima: I produttori peruviani si rivolgono al mercato europeo

I produttori peruviani del settore moda guardano al mercato europeo. Questi sono specializzati nella produzione di maglieria in lana d'alpaca e cotone Pima, entrambi prodotti premium del loro paese. Fino ad oggi, si sono rivolti principalmente al mercato statunitense, ma stanno già attirando l'attenzione di marchi europei come Missoni e Ted Baker.

Durante la settimana della moda di Berlino, 16 imprese peruviane del settore moda hanno presentato i loro prodotti e servizi all’esposizione Peru Moda Berlin in un setting ristretto ed esclusivo al Kulturbrauerei di Berlino. Circa 45 buyer provenienti da nove paesi europei hanno partecipato a questo evento di sourcing tenutosi il 4 luglio, fra i buyer erano presenti i rappresentanti di importanti aziende come la britannica Ted Baker, l’italiana Missoni, specializzata in maglieria e la francese CWF, specializzata in abbigliamento per bambini. L’evento si è svolto in una rilassante atmosfera con conversazioni mirate tra buyer ed espositori.

Lana d'alpaca e cotone Pima: I produttori peruviani si rivolgono al mercato europeo

Lo scorso anno, l'industria tessile peruviana ha esportato prodotti per un valore di USD 1,5 miliardi (1,3 miliardi di euro), la maggior parte dei quali, pari a un valore di USD 905 milioni, destinata agli Stati Uniti. La quota delle esportazioni verso l'Europa è stata di USD 90 milioni – con il 13,1 per cento, sta crescendo più velocemente delle esportazioni verso gli Stati Uniti, a sua volta con il 9,4 per cento. L'industria tessile peruviana è una delle più importanti industrie manifatturiere del Paese, con quasi 300.000 dipendenti. I produttori locali non cercano di competere con i principali fornitori tessili, come il Bangladesh o l'India, ma si posizionano, invece, nel segmento dell'abbigliamento di fascia alta con fibre native di alta qualità come il cotone Pima e, in misura crescente, anche nell'area della sostenibilità.

Alpaca: lana pregiata in quantità limitata

Tre dei produttori di maglieria in lana d'alpaca rappresentati a Berlino sono membri del World Fair Trade Organization, tra cui Allpa. L'azienda è stata fondata 33 anni fa da un gruppo di giovani peruviani per sostenere l'artigianato del Paese e commercializzarlo a livello internazionale. Oggi, lavorano per l'azienda 80 negozi, piccole e medie imprese, - includendo quelli che trasformano la lana di alpaca in “mantas“ (plaid) e maglieria. "In termini di qualità, la lana d'alpaca è alla pari con la lana merino fine e il cashmere", ha spiegato a Berlino Nelly Canepa, direttore di Allpa. I pullover e i cardigan esposti durante l’evento sono realizzati con le qualità baby alpaca e superfine. Come Allpa, anche l'azienda Raymisa lavora con gli artigiani in Perù e, negli ultimi anni, ha investito in macchinari per poter offrire anche maglieria fine oltre ai prodotti fatti a mano, ha spiegato il CEO Orlando Vasquez Kellhammer durante l'evento.

Lana d'alpaca e cotone Pima: I produttori peruviani si rivolgono al mercato europeo

Per molti anni, gli alpaca in Perù, che per migliaia di anni sono stati allevati per la loro lana, sono stati soggetti al divieto di esportazione. Oggi, quasi l'80 per cento della popolazione totale di alpaca vive in Perù e produce 25.000 kg di lana all'anno. Le comunità andine allevano gli animali; la loro lana viene poi raccolta, selezionata e classificata dagli intermediari. Vendono la lana ai produttori di filati in Perù, che riforniscono gli altri produttori del Paese. Di conseguenza, la creazione di valore avviene principalmente all'interno di un unico Paese, cosa rara nell'attuale industria dell'abbigliamento globalizzata.

Lana d'alpaca e cotone Pima: I produttori peruviani si rivolgono al mercato europeo

Pima: cotone baby soft

La catena di creazione di valore per il cotone in Perù è simile. Produttori come Quale Vest, Corp. All Cotton o Kusa Cotton, presenti all'evento di sourcing, lavorano tutti con il cotone Pima coltivato in Perù. Michael Chabaneix, CEO di Corp. All Cotton, impresa certificata GOTS, che produce per marchi americani come Tory Burch o Rag & Bones, spera di acquisire più clienti europei a Berlino. "Le fibre di cotone Pima sono le più lunghe al mondo, il che significa che sono particolarmente morbide e fini", spiega. Inoltre, espone, fra le altre cose, una t-shirt con una struttura grezza in tangüis. Si tratta cioè di un tipo di cotone che, anche se non così fine, è più economico del Pima e richiede meno acqua.

Lana d'alpaca e cotone Pima: I produttori peruviani si rivolgono al mercato europeo

Come l'allevamento degli alpaca, anche l'industria del cotone in Perù può ricordare la cultura avanzata degli Incas. "I peruviani hanno una lunga tradizione di tessitura, fin dall'inizio della civiltà", ha osservato Elmer Schialer, ambasciatore peruviano a Berlino durante l'evento. "Uno dei cosiddetti centri di civiltà è stato trovato nella valle di Supe, nel sud del Perù, dove già 8000 anni fa i peruviani raccoglievano cotone".

Il Perù si distingue con la sua storia e la qualità della sua produzione. Come piccolo produttore di materie prime di alta qualità, ma anche più care, come il cotone Pima e la lana d'alpaca, il Paese deve posizionarsi nel segmento premium dell'industria dell'abbigliamento.

Questa specializzazione e riempimento di una nicchia di mercato aiuta anche a mantenere il reddito nel paese, ha spiegato Schialer. "Stiamo cercando di mantenere la maggior parte del valore aggiunto in Perù".

FashionUnited ha partecipato all'evento su invito degli organizzatori.

Fotos: Karina Mendoza / PROMPERÚ & FashionUnited

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO