Pagamento mobile: EuroShop 2020 mostra ciò che oggi è possibile e che in futuro, farà parte della nostra vita quotidiana

Le App a pagamento e le borse digitali stanno conquistando Smartphone e Smartwatch modificando le preferenze di pagamento del cliente. Il pagamento dovrebbe essere veloce e confortevole, preferibilmente impiegato ovunque, e senza fare le file. Il pagamento mobile, con tecnologie intelligenti, aprirà quindi la strada a nuovi formati commerciali, anziché stare a fare le code alla cassa. Dal 16 al 20 febbraio 2020, la EuroShop, la fiera per la vendita al dettaglio n. 1 al mondo, presenterà soluzioni innovative per il pagamento mobile e check-out mobile nella sua dimensione Retail Technology – “Tecnologia per la vendita al dettaglio”.

Quando si potrà cambiare treno alla stazione centrale e di passaggio, comprare uno spuntino ed un caffè, senza dover pagare alla cassa? Quando si potrà pagare direttamente allo scaffale o nella cabina di prova di un negozio e con la merce in mano, uscire fuori, senza attivare l’allarme? O, come artigiano, di prima mattina, comprare delle viti, sulla strada che porta al cantiere, sebbene il mercato specializzato per il fai-da-te, aprirà solo tra due ore?

Con uno Smartphone, tutto questo è già da ora possibile e potrebbe presto diventare di ordinaria amministrazione. Ad esempio aziende, come la catena di supermercati olandese Albert Heijn o il minimarket svizzero Valora 2019 che hanno aperto, nei loro paesi d’origine, ‘Albert Hejn to Go’ e ‘avec box’, i loro primi supermercati senza cassa. La merce viene li memorizzata e spesso pagata dal cliente tramite Smartphone. Anche da Saturno di Amburgo, durante il periodo di Natale 2018, i clienti hanno potuto scansionare loro stessi, direttamente negli scaffali, tramite un App mobile, gli articoli per dopo pagarli. E Würth, il grossista di materiale d’assemblaggio e fissaggio, che recentemente, ha reso possibile per i suoi clienti professionali di fare acquisti nelle loro filiali ancora chiuse. Lo Smartphone funge in questo caso da apriporta digitale e carta cliente virtuale.

Soluzioni per il negozio senza contanti (cashless)

Secondo Andreas Starzmann, comodità, digitalizzazione ed urbanizzazione, fanno parte delle grandi tendenze che avranno un grande impatto, sulla vendita stazionaria al dettaglio. "Soprattutto, la crescita avverrà in nuovi formati", afferma il Direttore di Digital Office, leader del mercato mondiale per i carrelli della spesa. La tradizionale azienda tedesca si è già preparata per questo cambiamento. In qualità di fornitore di soluzioni tecniche complete per il commercio al dettaglio, digitalizzato, Wanzl sta realizzando ad esempio, per Würth la conversione delle circa 520 filiali a livello nazionale, in attività ibride con e senza personale. I visitatori della EuroShop potranno ricevere informazioni sulle soluzioni di self-service, come i cancelli di accesso ed i tunnel a scansione. Da Wanzl saranno esposti anche tecnologie per il negozio senza contanti (cashless) come il Computer Vision, la tecnologia dei sensori e le scaffalature intelligenti.

Apple Pay e Google Pay promuovono il pagamento mobile

Lo Smarthphone è il motore ed il pioniere del cambiamento digitale nel settore del commercio al dettaglio: da telefono si è trasformato in un compagno di vita quotidiana, multifunzionale, con inclusa una funzione di pagamento. Non da ultimo, con il lancio di Google Paxy e di Apple Pay, rispettivamente a metà ed alla del 2018, il tema: pagamento mobile, ha acquisito un notevole slancio. In un’indagine sui consumatori condotta all’inizio del 2019, la Società di Consulenza Strategica Oliver Wyman, aveva constatato già allora cambiamenti nei comportamenti di pagamento, anche se, al momento dell’indagine, solo alcune banche sostenevano i portafogli digitali (mobile Wallets) delle società internet. In particolare, le Casse di Risparmio (Sparkassen) e le Banche Popolari (Volksbanken), che insieme gestiscono la stragrande maggioranza dei conti correnti tedeschi, hanno invece lanciato sul mercato, le proprie Applicazioni (App) di pagamento. Qui i clienti bancari invece di una carta di credito possono anche depositare la loro Girocard per pagamenti mobili. Con una quota di oltre il 30 percento delle vendite, al dettaglio, Girocard è da molti anni, leader indiscusso nel settore dei pagamenti senza contanti in Germania.

A seconda del sistema operativo mobile, della carta di credito e delle coordinate bancarie, esistono ancora dei limiti alla libertà del pagamento mobile: la Girocard ampiamente utilizzata, funziona ad esempio solo nelle App di pagamento delle banche locali e delle casse di risparmio. Questi, fino a poco tempo fa erano disponibili solo per Smartphone Android, in quanto Apple, per lungo tempo, ha rifiutato di autorizzare l’Interfaccia NFC Apple che veniva richiesta, necessaria per il pagamento mobile, per App a pagamento, per conto terzi. Ed anche nei portafogli digitali di Apple e Google, non è possibile depositare tutte le carte di credito.

Ma le barriere stanno crollando e sempre più clienti potranno pagare alla cassa con il loro Smartphone: entro la fine del 2019, le Banche Popolari e Le Casse di Risparmio vogliono introdurre Apple Pay. In cambio, a partire dal 2010, dovrebbe essere possibile depositare anche i Girocard nel portafoglio IOS. Gli utenti tedeschi di Google Pay hanno già oggi la possibilità di depositare un account Paypal, al fine di effettuare un pagamento mobile presso il POS (Punto di Vendita). Secondo le proprie dichiarazioni, Paypal ha circa 23 milioni di utenti in Germania e quindi più delle carte Visa (16 milioni) o Mastercard (18 milioni) emesse in Germania.

In cinque anni, una persona su quattro farà uso del pagamento mobile

Con la disponibilità di opzioni di pagamento mobile sempre più semplici, l'uso dello smartphone nel POS continuerà ad aumentare rapidamente. Secondo lo studio "Mobile in Retail 2019" di GS1 Germany, i commercianti intervistati prevedono che in Germania tra cinque anni quasi un pagamento su quattro, presso il punto di vendita “POS”, sarà reso mobile. "Secondo le nostre aspettative, a medio termine, lo smartphone sostituirà la carta di credito, in modo simile come è avvenuto in altre tecnologie, come la navigazione o la fotografia", afferma Volkmar Bloch del servizio di pagamento Ingenico. L'hardware richiesto è ora ampiamente disponibile sul mercato e la maggior parte dei terminali per carte, supporta da molti anni NFC, per pagamenti con carta senza contatto e pagamenti mobili con Smarthphone.

Oltre alle carte abilitate alla tecnica NFC ed agli Smartphone, i clienti dei terminali NFC possono anche utilizzare i cosiddetti dispositivi wearables (indossabili) per il pagamento, come ad esempio, gli Smartwatch o Fitness Tracker abilitati ad NFC. Ciò è particolarmente comodo perché fintanto questo Wearables viene indossato, i pagamenti sono generalmente possibili senza ulteriore autenticazione, praticamente "dal polso". In futuro, ad esempio, perfino anche abiti o gioielli potrebbero essere dotati della funzione di pagamento NFC.

Pagamento mobile: EuroShop 2020 mostra ciò che oggi è possibile e che in futuro, farà parte della nostra vita quotidiana

Smartphone come registratore di cassa mobile

All'EuroShop, i fornitori di servizi di pagamento come Adyen, CCV, Ingenico o Wirecard, nonché i prestatori di servizi propri delle banche S-Payment (Sparkassen- Casse di Risparmio) e VR Payment (Volksbanks-Banche Popolari e Raiffeisenbanken) oltre all’attuale generazione di terminali con capacità NFC per uso stazionario, presenteranno soluzioni per ricevere pagamenti con Smartphone in movimento. Per questo è richiesto un terminale di pagamento mobile con WLAN o un’interfaccia di telefonia mobile, oppure un’applicazione di cassa mobile (mPOS). Questa viene installata dal beneficiario del pagamento sul suo Smartphone o tablet, (ad es. commerciante al dettaglio, parrucchiere, tassista), che sia poi collegato via Bluetooth ad un lettore di carte NFC. Le soluzioni mobili sono adatte ad esempio come piccola alternativa al registratore di cassa per piccole imprese di vendita al dettaglio o di servizi mobili, per la vendita mobile in occasione di fiere, mercati, grandi eventi, shopping party privati o negozi pop-up, ma anche come registratore di cassa aggiuntivo, rapidamente disponibile per un gran numero di clienti.

I cinesi effettuano i pagamenti con il codice QR

L’accettazione dei metodi di pagamento mobile basati sul codice QR è possibile anche tramite App e Tablet o Smartphone. Utilizzando ad esempio l’applicazione mPOS, Wirecard, offre ai commercianti tedeschi una variante semplice e tecnicamente di facile applicazione, per offrire ai clienti cinesi i loro metodi di pagamento preferiti Alipay e Wechat Pay. “Quasi tutti i viaggiatori cinesi hanno installato ambedue le applicazioni sul proprio Smartphone e le utilizzano molto attivamente”, afferma Anna Kostense, team leader del settore Chinapayment di Wirecard. Per effettuare i pagamenti, i clienti cinesi generano un codice QR sul loro Smartphone, che viene scannerizzato dal commerciante. Con la soluzione Wirecard mobile, la telecamera sul dispositivo mobile del commerciante funge da scanner ed il pagamento infine, viene elaborato nell’App.

Dal pagamento mobile all’autoverifica “Self-Checkout”

Con la crescente diffusione ed accettazione dei metodi di pagamento mobile, l’autoverifica mobile “mobile self-checkout” acquisirà sempre più importanza, come già per esempio da ora Valora o Albert Heijn offrono in delle sedi selezionate. All’EuroShop, ad esempio, i visitatori possono informarsi sulle soluzioni intercommerciali di Snabble o Roqqio Commerce Solutions. Ad esempio, l’applicazione di Snabble è utilizzata da Knauber, da IKEA in Francoforte o Edeka Paschmann in Mühlheim an der Ruhr. Il pagamento non viene effettuato in tutta l’area ma alla casse fai da te, nell’area di uscita. Anche l’applicazione BuyBye di Roqqio ha trovato i suoi primi clienti in Germania e Svizzera. “Come in un negozio online, nell’app possono essere memorizzati diversi metodi di pagamento”, dichiara Johannes Schick, amministratore delegato di ROQQIO (ex hölt).

Sono possibili anche le opzioni di acquisto in acconto o di pagamento alla cassa.

I problemi di sicurezza (furto), la classificazione in base all’età (ad esempio per vendita di alcol, tabacco o DVD) così anche la disattivazione della merce dopo il pagamento fanno parte dei temi centrali che le aziende di vendita al dettaglio devono affrontare quando si tratta di autocontrollarsi. Anche in questo caso la EuroShop fornisce risposte: Oltre a Start-up come Rapitaq, aziende affermate come Nedap o SES Imagotag presenteranno etichette intelligenti digitali, collegate in rete in grado di combinare prezzo, marketing e protezione automatica degli articoli.

La EuroShop 2020 comprende complessivamente circa 127.000 m² netto in 16 padiglioni ed è aperta ai visitatori specializzati da domenica 16 febbraio 2020 a giovedì 20 febbraio 2020, giornalmente dalle ore 10.00 alle ore 18.00. Il costo del biglietto d’ingresso giornaliero è di 80 Euro (60 Euro prevendita online (e-ticket), il biglietto d’ingresso per due giorni costa 120 Euro (100 Euro prevendita online) ed il prezzo di una tessera d’ingresso permanente è di 180 Euro (150 Euro prevendita online). I biglietti d‘ingresso includono il viaggio gratuito da e verso la fiera EuroShop con i mezzi di trasporto del VRR (Verkehrsverbund-Rhein-Ruhr).www.euroshop.de.

www.euroshop-tradefair.com

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO