• Home
  • News
  • Fiere
  • White scalda i motori tra sostenibilità e digitale

Fiere

White scalda i motori tra sostenibilità e digitale

Scritto da Isabella Naef

18 set 2020

La moda riparte: la prossima settimana aprono i battenti Milano moda donna e White, e gli operatori del settore sono ansiosi di presentare le nuove collezioni che, sempre più spesso, nascono all'insegna della sostenibilità. Tra le novità annunciate ieri mattina da Massimiliano Bizzi, fondatore di White, infatti, la presenza alla kermesse di via Tortona, in scena dal 24 al 27 settembre, di Wsm Fashion Reebot, con 32 realtà sulla moda sostenibile.

Il progetto Wsm Fashion Reebot, al via al Base, al 54 di via Tortona, in partnership con Confartigianato e con il supporto di Ice Agenzia e Maeci, ha l'obiettivo di fare da ponte tra la cultura della sostenibilità e gli stakeholder coinvolti, ha spiegato il management del salone, durante la conferenza online di ieri mattina. L'iniziativa è curata dal team di White insieme a Matteo Ward, co-founder del brand Wråd e già direttore artistico di Give a Fokus, l’hub sostenibile del salone.

“Il design responsabile deve essere in grado di rispondere alle reali esigenze dell’umanità, bilanciando sistematicamente necessità ambientali, sociali e individuali. Per questa edizione di Wsm Fashion Reboot ci siamo concentrati principalmente sulla dimensione personale, ragionando su quali fossero le nostre nuove e rinnovate esigenze contemporanee alle quali anche il prodotto e il servizio tessile possono rispondere. Project Re_Tail (re-tailoring the fashion industry) è il macro tema di questa edizione, che porta in scena strumenti, punti di ispirazione, tecnologie e servizi per ridefinire insieme un nuovo punto di partenza, continuando un percorso avviato nelle edizioni passate e quanto mai rilevante oggi”.

Sul fronte digitale, invece, sono 130 i marchi presenti sul B2b Marketplace, mentri quelli presenti al salone superano quota 200.

Tra le novità delle ultime ora, anche il primo FuoriSalone della moda che vede la collaborazione e supporto di Interni. "Un’iniziativa pensata per rendere Milano più vitale e dinamica durante la fashion week e per supportare le aziende italiane e quelle che producono in Italia", ha spiegato, ieri, Bizzi.

"Ho accettato con entusiasmo l’invito di Max Bizzi e di Milano loves Italy promossa da White per un progetto che renda sempre più vitali e connessi il mondo della moda e quello del design nei periodi topici per entrambi i settori. Il FuoriSalone, progetto nato grazie a Interni una trent’anni fa è stato un laboratorio di idee, creatività, spontaneità, entusiasmo da parte di molti attori: aziende, gallerie, show-room, musei che ha generato un format oggi riconosciuto nel mondo come il più importante per il design a livello internazionale, irrinunciabile per chiunque voglia occuparsi di creatività", ha aggiunto Gilda Bojardi, direttore di Interni.

Nel dettaglio, il progetto vedrà il coinvolgimento di Beppe Angiolini, come direttore artistico e partirà dalla fashion week di febbraio 2021. Angiolini è presidente onorario di Cbi, Camera buyer Italia, e proprietario, ad Arezzo, dello storico multibrand Sugar. Lo store è una piattaforma che comprende abbigliamento maschile, femminile, musica e libri. .

"Sono certo che Milano accoglierà con entusiasmo questa iniziativa", ha spiegato Angiolini. "Una vetrina diffusa in tutta la città, ideata per mettere in mostra il meglio della nostra produzione made in Italy, con particolare attenzione ai brand più giovani e innovativi. Sono realtà come loro che in questo momento hanno bisogno di momenti di aggregazione nei punti vendita, in modo da farsi conoscere al grande pubblico".

Foto: dall'ufficio stampa White