• Home
  • News
  • Fiere
  • Who's Next: la moda torna a fare affari nella capitale francese

Who's Next: la moda torna a fare affari nella capitale francese

Scritto da Weixin Zha

12 set 2022

Fiere

FashionUnited

L'industria della moda si è riunita alla fiera Who's Next di Parigi dal 2 al 5 settembre per effettuare gli ordini per la stagione spring summer 23. E, nonostante il rischio incombente di una recessione in Europa, molti marchi hanno registrato ordini consistenti.

Aziende di moda ottimiste si riuniscono a Parigi

"Dopo due anni, è stato davvero un bene per noi", ha detto Puneet Ahuja in un'intervista rilasciata sabato, in fiera. "È come un nuovo inizio, siamo molto soddisfatti".

Ahuja, proprietario dell'azienda di sciarpe Ahujasons di Nuova Delhi, non ha potuto lasciare l'India per due anni a causa delle misure contro il coronavirus. Questa stagione segna la prima volta dallo scoppio della pandemia che può incontrare di nuovo di persona i clienti europei. Finora ha visto clienti provenienti da Paesi come Spagna, Italia, Francia, Germania e Regno Unito, ma non dalla Scandinavia o dal Giappone.

Sebbene Who's Next non abbia mai smesso di organizzare fiere durante la pandemia, l'affluenza in quel periodo è stata inferiore rispetto alle edizioni precedenti, poiché buyer e marchi non hanno potuto viaggiare a causa delle restrizioni imposte dal coronavirus. Ma il fermento nei corridoi e negli stand della fiera parigina dimostra che gli affari sono tornati ad andare a gonfie vele.

"I clienti stanno tornando in Europa, sentiamo che i buyer e anche i marchi sono molto più entusiasti", ha detto Mercédéh Vafai, direttore artistico e commerciale del marchio di moda parigino Notshy in un'intervista durante il salone. Il marchio conta 800 punti vendita in tutto il mondo e gestisce 40 negozi di proprietà in Francia e Svizzera.

La fiera era molto più vuota nelle ultime stagioni, ha aggiunto Vafai. "Gli ultimi due anni sono stati difficili per tutti e ora tutti vogliono uscire e fare acquisti". Vafai prevede che il fatturato crescerà da 45 a 60 milioni di euro nel prossimo anno.

Who's Next è tornato ai livelli pre-pandemia

L'edizione primavera estate 23 di Who's Next, con 1.000 marchi presenti, è un altro segno del ritorno ai livelli pre-pandemici. Di questi, il 33 per cento sono nuovi marchi, ha dichiarato sabato in un'intervista Frédéric Maus, ceo dell'organizzazione fieristica Wsn. "È un momento importante per noi".

Egli attribuisce il ritorno al fatto che la fiera non ha mai perso una stagione di acquisti durante la pandemia, nonostante le misure sanitarie. Inoltre, non si può sottovalutare il bisogno di vedersi e sentire i vestiti, ha aggiunto.

Il numero di visitatori, non ancora confermato, dovrebbe raggiungere i livelli precedenti alla pandemia, o potrebbe essere leggermente inferiore, dato che i buyer cinesi hanno ancora difficoltà a viaggiare, ha detto Maus. I dati definitivi saranno pubblicati questa settimana. I buyer dei grandi magazzini, dei rivenditori online e delle boutique multimarca hanno visitato Who's Next. Circa il 50 per cento dei visitatori proviene dalla Francia, il 25 per cento dal resto d'Europa e il restante 25 per cento dal resto del mondo, secondo Maus.

Cheerleader e collezioni luminose

Il tema del Super bowl ha dato al ritorno della fiera un tocco umoristico e allegro in più. Come in uno stadio americano, all'ingresso si poteva acquistare merce con un'energica mascotte a forma di pavone e le cheerleader si sono esibite in acrobazie nei corridoi della fiera, come per incitare l'industria della moda.

Entrando in fiera, spiccavano lunghi abiti estivi con stampe, mentre i colori chiari delle collezioni evocavano sensazioni di vacanza. Per quanto riguarda i gioielli, erano esposti molti orecchini e collane d'oro intricati, come i pezzi del marchio francese La Cabane de Fanette. "Diventa sempre più bello", ha detto Fanette Hernette, la fondatrice del marchio. Ha presentato delicate collane e orecchini con piante essiccate racchiuse in resina.

Hernette partecipa alla fiera per la terza volta, dopo aver esposto per la prima volta lo scorso settembre. Il numero dei suoi clienti sta crescendo e anche le quantità ordinate, con un aumento delle vendite del 20 per cento. "Questa edizione è migliore perché sono tornati i clienti dagli Stati Uniti e dal Giappone", ha aggiunto.

Nuovi clienti

La sezione degli accessori presenta diverse borse di rafia e cappelli di paglia. Si potevano vedere molti marchi di sneaker, alcuni realizzati con materiali sostenibili come la pelle di mela, ma anche scarpe con un forte linguaggio di design proprio come Chie Mihara.

"Rispetto alla scorsa stagione, questa stagione è molto migliore per noi e anche per altre persone con cui ho parlato", ha affermato Yolanda Rico, responsabile vendite del marchio spagnolo di calzature. Il primo e il secondo giorno sono stati particolarmente buoni con clienti provenienti da paesi come Francia, Regno Unito, Stati Uniti, Belgio, Israele e Giordania.

Scritto originariamente da Weixin Zha per l'edizione tedesca di FashionUnited, tradotto e riadattato da Isabella per fashionunited.it

La fiera parigina, credit FashionUnited
Cheerleader che fanno acrobazie a Who's Next
SS23
WHO'S NEXT