• Home
  • News
  • Moda
  • “Belda Llórens: i filati sostenibili su cui scommettono i grandi marchi del settore”

“Belda Llórens: i filati sostenibili su cui scommettono i grandi marchi del settore”

MESSAGGIO SPONSORIZZATO
Scritto da Sponsor

3 nov 2020

Moda

L’azienda Belda Llórens, con sede ad Alicante, si batte per l’ambiente da ormai trent’anni con la produzione di filati sostenibili. E ora più che mai si distingue a livello europeo per l'elevata qualità e per la varietà dei suoi filati, promuovendo una moda eco-responsabile. Abbiamo intervistato Paco Mataix, Partner & Business Development Manager e Fabricio Mancebo, Creative & Strategic Brand Manager per conoscere in prima persona Ecolife Yarns, il suo marchio fiore all’occhiello che sta avendo un enorme successo tra le grandi firme di moda internazionali.

Di cosa si occupa Belda Llórens?

Belda Llórens è un’azienda familiare che si dedica alla fabbricazione di filati open end con 65 anni di esperienza nel settore.

Da 30 anni produciamo filati ecologici con materiali riciclati. Inizialmente è stata una questione di competitività, essendo stati i primi a utilizzare cotone riciclato colorato per la produzione di filati di qualità per il settore della moda. In tal modo potevamo contare su due importanti vantaggi e risparmi: innanzitutto non dovevamo tingere il cotone, con il conseguente risparmio a livello economico e ambientale. In secondo luogo, utilizzavamo fibre riciclate, con costi inferiori rispetto alla fibra vergine di cotone.

Per gran parte di questo periodo, non abbiamo valorizzato l’impiego di questi materie prime sostenibili, poiché il loro utilizzo era collegato a filati di bassa qualità e prezzi economici. E noi abbiamo sempre avuto una cosa chiara, la qualità. La qualità non è negoziabile e abbiamo sempre prodotto filati sostenibili con parametri di qualità paragonabili a quelli dei filati realizzati con il sistema tradizionale.

Che cos’è ECOLIFE?

Ecolife Yarns è il nostro fiore all’occhiello, è un marchio che abbiamo creato 5 anni fa per valorizzare quello che stavamo facendo negli ultimi 25 anni.

È stato due anni fa che abbiamo iniziato a dedicare tutta la nostra produzione e tutti i nostri sviluppi al posizionamento del marchio a livello internazionale come filati sostenibili con la più ampia varietà, gamma di colori, qualità e migliore servizio del mercato. Vogliamo essere il punto di riferimento per filati sostenibili di qualità. Offriamo viscosa ecologica, cotone riciclato, Ecovero, cotone BCI, poliestere riciclato.

Cosa significa per voi riciclare, nel senso più ampio del termine, e qual è la vostra impronta sul pianeta?

Il riciclo e l’uso di materie prime sostenibili fanno parte del nostro DNA. Abbiamo appena pubblicato il manuale di sostenibilità del 2019 e tutti i risparmi sono pubblici e sottoposti a audit da Aitex, uno dei più importanti istituti tessili tecnologici in Europa. Per fare un esempio, con la nostra produzione del 2019 siamo riusciti a evitare la coltivazione e raccolta di cotone su una superficie pari a 13 volte la superficie di New York e, in termini di consumo idrico, abbiamo risparmiato un volume pari a 1.800 piscine olimpioniche.

Che valore aggiunto comporta l’innovazione nella vostra struttura? In altre parole, cosa fa Belda Llórens per distinguersi come azienda pionieristica di filati innovativi a livello europeo?

Siamo sempre stati un passo avanti per la nostra competenza in termini di nuovi sviluppi, investimento e innovazione e utilizzo di materie prime che tradizionalmente non venivano utilizzate nel sistema open end. Lavoriamo lana, lino, Tencel, titoli di filati sottili, ecc.

In che settori vengono distribuiti i vostri filati e a che tipo di aziende di moda?

Siamo presenti sulla maggior parte dei mercati europei, in Africa settentrionale, in America Latina e negli Stati Uniti con centri di distribuzione sia sulla costa occidentale che su quella orientale.

Per quanto riguarda il tipo di aziende, lavoriamo con qualsiasi tipo di società, collaborando direttamente con grandi marchi e giganti della moda in questa ultima fase, il che ci rende felici poiché abbiamo visto come il nostro lavoro e la nostra scommessa sulla sostenibilità siano già una realtà che è destinata a durate a lungo.

Per quanto riguarda i prezzi, come si posiziona ECOLIFE rispetto ai filati tradizionali?

I nostri filati sono competitivi e apportiamo molto valore ai nostri clienti con il nostro stock service di oltre 1.700 riferimenti tra colori e qualità disponibili in inventario.

Evidentemente non possiamo competere con i prezzi di produzione di India, Pakistan o Cina... Il nostro prodotto è molto diverso. Lavoriamo molto con la moda prêt-à-porter, dove lo stock service riveste un’importanza fondamentale.

In quanto a sostenibilità e consumo responsabile, ritenete che le case di moda stiano riuscendo a educare la loro clientela? Come si potrebbe migliorare?

Credo che ci sia ancora molta strada da fare. Ma l’importante è che è sempre di più l’utente finale a chiedere moda sostenibile e sembra che ciò stia già diventando realtà.

La sostenibilità non inizia con il riciclo. Non mi stanco di ripeterlo, inizia con una progettazione sostenibile. Questo è imprescindibile. E dobbiamo soprattutto considerare la sostenibilità per quello che è realmente, una visione globale che subentra nella gestione aziendale, come contributo sociale e lavoro per l’ambiente.

Che volume d’affari rappresenta ECOLIFE nella vostra attività complessiva?

Quest’anno la crescita è esponenziale e il boom è arrivato durante e dopo il COVID19. Questo è stata come un acceleratore di particelle per il settore tessile, andando a velocità vertiginose verso un settore quasi obbligato dal consumatore a essere più rispettoso dell'ambiente e a fare le cose in modo diverso, salvaguardando il pianeta.

Nel 2019 avevamo raggiunto vendite del 10% del prodotto Ecolife e al momento siamo intorno al 45% delle nostre vendite di prodotti Ecolife. Spagna, Italia, Portogallo e Stati Uniti.

Quali sono i vostri piani di espansione o sviluppo per il futuro?

Abbiamo molti progetti in corso! La verità è che la nostra quotidianità è appassionante.

Possiamo parlare del filato di cotone che lanceremo, sostenibile al 100% a colori senza l’uso di tinte, o del nuovo poliestere biodegradabile. Stiamo lavorando alla tracciabilità dei nostri filati e prodotti tramite Blockchain in modo da conquistare la fiducia dei nostri clienti e dell’utente finale. Stiamo pianificando l'espansione sui mercati asiatici e abbiamo già firmato un accordo di collaborazione con un’altra delle aziende leader in fatto di sostenibilità tessile a livello mondiale come Texloop e Circular Systems.

Abbiamo creato una squadra molto solida e scommettiamo sul futuro, siamo in continuo movimento e vi invitiamo a unirvi al nostro Movimento Ecolife. Il nostro motto è “Be part of the change & Live the cycle of color”!

Qual è il vostro obiettivo per i prossimi anni?

Se proseguiamo sul cammino che abbiamo tracciato, senza dubbio assisteremoa un mondo della moda pieno delle nostre innovazioni ed etichette ECOLIFE, che sono garanzia di un prodotto sostenibile e di qualità, il che farà sì che l’industria tessile abbandoni davvero il suo lato oscuro.

Crediti fotografici: Belda Llórens