• Home
  • News
  • Moda
  • Burberry annuncia una strategia per la biodiversità alla Cop26

Burberry annuncia una strategia per la biodiversità alla Cop26

Scritto da FashionUnited

9 nov 2021

Moda

Courtesy of Burberry Danko Steiner

Burberry ha annunciato che si attiverà per “proteggere, ripristinare e rigenerare la natura”, costruendo il suo impegno positivo per il clima con una nuova strategia per la biodiversità presentata alla Cop 26, ovvero la Conferenza delle parti che, presieduta dal Regno Unito, si è tenuta a Glasgow la settimana scorsa per studiare una strategia efficace nella lotta ai cambiamenti climatici. I leader mondiali che hanno partecipato sono stati oltre 190.

Burberry ridurrà il proprio impatto sulla biodiversità attraverso l’uso di materie prime più sostenibili

La strategia sulla biodiversità del marchio inglese si basa sul suo recente impegno a diventare Climate positive entro il 2040 e amplierà la portata delle sue attuali iniziative applicando un approccio basato sulla natura nella sua catena del valore e nelle aree di maggior bisogno al di fuori delle sue operazioni per contribuire a rallentare ulteriormente il riscaldamento globale come parte della transizione verso il percorso di 1,5 gradi centigradi stabiliti nell’Accordo di Parigi.

“Il cambiamento climatico non è solo un rischio ambientale futuro, è una crisi socio-economica che ha un impatto su milioni di persone in tutto il mondo oggi. Proteggere, ripristinare e rigenerare la natura è la chiave per salvaguardare il pianeta per le generazioni a venire, e dobbiamo essere ambiziosi nelle nostre intenzioni e orientati all’azione nel nostro approccio”, ha sottolineato Gerry Murphy, presidente di Burberry, in una nota.

“La strategia di Burberry per la biodiversità non solo affronterà gli impatti nelle nostre operazioni estese, ma aiuterà anche a creare nuovi sistemi per ridurre la perdita di biodiversità nelle aree più bisognose del mondo, dando un contributo significativo agli sforzi di conservazione globale”, ha aggiunto il manager.

Nel dettaglio, la strategia per la biodiversità si concentra su tre aree: proteggere e ripristinare la natura all’interno e oltre la catena del valore di Burberry attraverso progetti sostenuti attraverso il Burberry regeneration fund; espandere il sostegno alle comunità agricole intensificando gli sforzi esistenti intorno alle certificazioni e alla formazione a livello di azienda agricola dove Burberry si rifornisce di materie prime; e sviluppare catene di approvvigionamento rigenerative, applicando pratiche di gestione del territorio rigenerative e olistiche ai sistemi di pascolo o di allevamento.

Burberry ha collaborato con The Biodiversity consultancy per identificare le sue aree di maggiore impatto attraverso il completamento di una valutazione di base della biodiversità. Questo ha evidenziato che la pelle, il cashmere e la lana avevano l’impatto più significativo sulla biodiversità e rappresentavano un’alta percentuale dell’impronta di carbonio di Burberry.

Per ridurre il proprio impatto, la griffe ha dichiarato che applicherà i principi e le linee guida della soluzione basata sulla natura che ha sviluppato in collaborazione con The Biodiversity consultancy, finanziando progetti attraverso il suo Regeneration fund, assicurando che gli ecosistemi naturali siano protetti, ripristinati e rigenerati.

Intanto il marchio sta collaborando con Pur projet per implementare un programma agricolo rigenerativo con i produttori di lana in Australia. Burberry ha aggiunto, nelle nota, che è diventato il primo marchio di lusso a firmare la Leaf coalition con un investimento in quella che dovrebbe diventare la più grande iniziativa pubblico-privata del mondo che fornisce finanziamenti basati sui risultati ai paesi impegnati a fare ambiziose riduzioni della deforestazione tropicale.

Inoltre, ridurrà anche il proprio impatto sulla biodiversità attraverso l’approvvigionamento di materie prime più sostenibili e assicurando che i materiali chiave siano tracciabili, certificati o riciclati entro il 2025.

Lo scorso ottobre, Burberry ha annunciato la nomina di Jonathan Akeroyd a nuovo chief executive officer ed executive director, a partire dal primo aprile 2022. Il manager subentra a Marco Gobbetti che si dimetterà dal ruolo e lascerà l’azienda il 31 dicembre. Gerry Murphy presiederà il Comitato Esecutivo da questa data fino all’ingresso di Jonathan in Burberry.

Di nazionalità britannica, Jonathan Akeroyd, 54 anni, è attualmente chief executive officer della Gianni Versace spa di Milano, carica che ricopre da giugno 2016. Durante il suo mandato nella griffe della medusa, il manager ha riorganizzato e accelerato la crescita dell’iconica casa di moda italiana, basandosi sul patrimonio creativo del marchio per elevare il prodotto, la comunicazione e l’esperienza del cliente.

Courtesy of Burberry Danko Steiner