Chi sono i millenial: megacitier, rich upstarter, social wearer

I marchi sanno bene che i millenial stanno guidando la crescita dei consumi di lusso ma non tutti hanno compreso che questa categoria di giovani, nati tra i primi anni Ottanta e l'inizio degli anni Duemila, comprende al proprio interno tanti profili diversi.

Numeri alla mano, il contributo dei millenial sarà pari al 130 percento della crescita del lusso personale e nel 2024 rappresenteranno il 50 percento del mercato.

Ecco perchè le griffe devono imparare a conoscere questi consumatori molto bene.

Fanno parte della categoria millenial i megacitier, ossia i giovani abitanti delle metropoli, fortemente globalizzati, e i social wearer, attenti alla sostenibilità. Questi ultimi sono "millennial molto più sofisticati dei loro colleghi classpirational che sono attenti all’immagine soprattutto lavorativa", come ha spiegato ieri, a Milano, Armando Branchini, vice presidente di Fondazione Altagamma, nel corso del convegno “Altagamma Consumer and Retail Insight”, la quinta edizione del True-Luxury Global Consumer Insight condotto con The Boston Consulting Group e la sesta dell’Altagamma Retail Evolution condotto con Exane Bnp Paribas.

Fanno parte dei millenial anche i rich upstarter, ossia i nuovi ricchi dei Paesi emergenti.

Foto: Il convegno di Altagamma, ieri a Milano, credit Altagamma press office
 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO