Secondo Eccia, acronimo di European cultural and creative industries alliance, l'industria europea dell'alto di gamma continua a registrare ottime performance e a creare posti di lavoro qualificati in Europa nonostante la congiuntura economica sfavorevole.

Secondo il nuovo studio di Frontier Economics, presentato la settimana scorsa al Parlamento Europeo, la cifra d'affari complessiva delle aziende dei diversi settori dell'alto di gamma è cresciuta del 28 percento tra il 2010 e il 2013. Il settore, inoltre, ha creato circa 200 mila posti di lavoro nello stesso periodo.

"Il settore del lusso è un perfetto ambasciatore di quei valori tipicamente europei quali eccellenza, creatività e artigianalità. Grazie alla continua crescita del settore, offriamo ai giovani di tutta Europa concrete opportunità di lavoro in un periodo estremamente complicato per l'economia. Fondandosi su tradizione manifatturiera, cultura e creatività, la nostra industria è diventata la Silicon Valley Europea", ha detto, come riporta una nota stampa di Altagamma, Michael Ward, presidente di Eccia e managing director di Harrods.

Secondo Armando Branchini, vice presidente di Fondazione Altagamma e past president di Eccia, "questa industria dimostra ogni anno di essere competitiva e di crescere nel mondo. Insomma, di farcela da sola. Alle Istituzioni europee e nazionali non abbiamo mai chiesto trattamenti di favore, protezioni o risorse economiche. Ma al contrario, normative chiare e procedure amministrative semplici e rapide, per consentire a questo settore di crescere ancora e di rappresentare la cultura, il gusto, il punto di vista e il tatto europeo agli occhi delle consumatrici e dei consumatori più sofisticati del mondo".

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO