Fabrizio Servente (The Woolmark Company): "i millennial riscoprono la lana Merino"

"La lana è biodegradabile, rispetta l'ambiente: è fatta di sole, acqua ed erba", ha sottolineato ieri, prima giornata della fiera Milano Unica, Fabrizio Servente, global strategy advisor di The Woolmark Company.

I millennial hanno riscoperto la lana: in dieci anni il prezzo al chilo è passato da 8 a 20 dollari

The Woolmark Company svela la miglior selezione di tessuti e filati di lana al The Wool Lab autunno inverno 2019/20, durante la 27esima edizione di Milano Unica, kermesse che sarà in scena a FieraMilano Rho fino a domani, 12 luglio.

"Sostenibilità è un termine astratto, che va declinato nel rispetto dell'ambiente, dell'essere umano, degli animali e coinvolge tutta la filiera produttiva", ha aggiunto Servente, specificando che The Woolmark Company è competente per quanto concerne l'origine della fibra di lana.

"Il tema della sostenibilità è molto caro ai nostri associati e al cliente finale, soprattutto ai millennial", ha osservato Servente. Le caratteristiche della lana e la sua intrinseca naturalezza hanno fatto si che, proprio negli ultimi anni, la richiesta di mercato di capi in questa fibra aumentasse.

"Solo 10 anni fa la lana, in media, aveva un prezzo di 8 dollari al chilo, oggi il prezzo è salito a 20 dollari", ha spiegato a FashionUnited, Servente.

Un altro driver che ha reso più dinamico questo mercato negli ultimi anni è stato lo sport, ovvero la riscoperta della lana come filato ideale per gli articoli sportivi.

Non a caso tra le sette proposte di The Wool Lab autunno inverno 2019/20, due sono interamente dedicati allo sport e all’industria dell’outdoor, evidenziando le qualità tecniche della lana Merino.

In particolare, il The Wool Lab Sport mostra gli ultimi tessuti e filati in lana Merino, disponibili in commercio, ideali sia per un abbigliamento sportivo sia per l’athleisure.

Per esempio, la capacità della lana Merino di assorbire il vapore acqueo e di trasferirlo lontano dal corpo è una caratteristica fondamentale per gli indumenti base-layer, garantendo così le migliori condizioni microclimatiche tra la pelle e l'indumento di chi lo indossa.

Foto: Fabrizio Servente, credit The Woolmark Company press office