• Home
  • News
  • Moda
  • Gucci punta all'equità retributiva di genere per posizioni equivalenti entro il 2025

Gucci punta all'equità retributiva di genere per posizioni equivalenti entro il 2025

Scritto da Isabella Naef

7 lug 2022

Moda

Courtesy of Gucci
Riduzione dell’impronta ambientale totale del -49 per cento e delle emissioni di gas serra del -46 per cento dal 2015, rispetto alla crescita; raggiunto il 100 per cento di energia verde in 44 dei 49 Paesi in cui il brand è presente con negozi, sedi e fabbriche, pari al 93 per cento di energia rinnovabile in tutto il mondo, e avviato progetti e collaborazioni per promuovere pratiche di agricoltura rigenerativa. Questi alcuni dei risultati del secondo Impact report di Gucci. Il documento riassume gli impegni, i progressi e le azioni intraprese dal brand per generare un cambiamento positivo per le persone e per il pianeta.

Nel corso del 2021 Gucci ha inoltre presentato Demetra, un innovativo materiale realizzato con materie prime animal-free che combina qualità, morbidezza e durabilità e scalabilità con un ethos sostenibile già incorporato nelle collezioni, tra cui la collezione circolare Gucci Off the grid, che ora comprende più di 70 prodotti, dalle scarpe agli accessori e alle valigie. Articolato sui due pilastri fondanti del progetto Equilibrium, persone e pianeta, i key highlights del Gucci Equilibrium impact report per il 2021 includono la promozione dell'inclusione, dell'equità e la parità di genere.

Aumento della diversità di genere a livello manageriale sia nell’area corporate sia nel retail, con il 58 per cento di donne nei ruoli manageriali e il 42 per cento in ruoli dirigenziali, promozione di un ambiente di lavoro inclusivo attraverso programmi di formazione su unconscious bias per oltre 6.000 dipendenti e altri 6.000 tra quelli che hanno completato il percorso di formazione digitale sulla Diversity e inclusion) sono parte del progetto.

Creazione di maggiori opportunità per le persone disabili nell’ambiente di lavoro e creazione di partnership con organizzazioni specializzate nella valorizzazione dei talenti sottorappresentati, oltre al raggiungimento di una equità retributiva di genere per posizioni equivalenti entro il 2025 sono altri punti fondamentali.

Gucci ha annunciato il suo ingresso nella Ellen MacArthur Foundation

Con la presentazione dei dati del Rapporto, la griffe di casa Kering ha annunciato il suo ingresso nella Ellen MacArthur Foundation in qualità di partner strategico con l’obiettivo di accelerare ulteriormente la visione del brand in tema di economia circolare per il futuro.

In linea di continuità con la filosofia di Gucci orientata all’innovazione e a favorire un cambiamento positivo sociale e ambientale, "la partnership trae fondamento dall’attuale strategia del brand per l’economia circolare guidata da tre principi cardine: la riduzione dei rifiuti e dell'inquinamento, la circolarità dei prodotti e dei materiali e la promozione dell’agricoltura rigenerativa", si legge in una nota.

“Per noi, le parole purpose e progresso costituiscono un elemento distintivo dell’ethos di Gucci. Sperimentiamo e ci impegniamo a innovare costantemente per generare impatti positivi per il mondo Gucci, e per l'intera comunità", ha sottolineato Marco Bizzarri, presidente e ceo di Gucci. "La seconda edizione del nostro Gucci Equilibrium impact report per il 2021 testimonia la nostra volontà di continuare a costruire un'azienda e un business responsabili e sostenibili. Siamo quindi entusiasti di iniziare questo nuovo capitolo insieme alla Ellen MacArthur Foundation per rafforzare ulteriormente il nostro impegno verso la circolarità e l'agricoltura rigenerativa, ampliando le numerose iniziative che abbiamo già avviato fino a oggi", ha aggiunto Bizzarri.

Realtà autorevole in tema di economia circolare, la Ellen MacArthur Foundation supporterà Gucci per ampliare ulteriormente e integrare i principi dell’economia circolare. In una prima fase iniziale, la collaborazione si articolerà nel promuovere la circolarità nel design: Gucci si impegna ad applicare nella creazione delle sue collezioni i principi di circolarità considerando l’intero ciclo di vita dei suoi prodotti. Guidati dal design, i principi contribuiranno a supportare l'ambizione della griffe nell'innovare e proporre prodotti progettati per essere usati più a lungo, realizzati nell’ottica del riutilizzo e con l'impiego di materie prime rinnovabili, riciclate e naturali. La Fondazione supporterà il marchio anche attraverso un'analisi approfondita degli impegni del brand per contribuire a individuare le aree in cui la circolarità può essere ulteriormente adottata, nel design e nella fase di creazione.

"Siamo entusiasti di collaborare con Gucci e ridisegnare il futuro della moda. Grazie al grande impegno di Gucci per le persone e per il pianeta e all'esperienza della Fondazione in materia di economia circolare, possiamo sviluppare soluzioni innovative capaci di guidare il settore verso una moda progettata per essere usata più a lungo, fatta per essere rigenerata e realizzata con materiali sicuri, riciclati o rinnovabili", ha aggiunto Andrew Morlet, ceo della Fondazione Ellen MacArthur.

Courtesy of Gucci
diversità
Ellen MacArthur Foundation
GUCCI
inclusione
KERING
parità di genere
Sostenibilita