• Home
  • News
  • Moda
  • I 10 lavori più strani della moda

I 10 lavori più strani della moda

Scritto da Simone Preuss

24 ago 2016

Moda

Ci sono professioni tradizionali, che esistono da sempre nel campo del fashion, e professioni che, con lo sviluppo delle tecnologie, sono diventate indispensabili per la produzione di tessuti e colori. Poi ci sono tutte le figure professionali nate con il mondo digital, sempre più importanti anche per le aziende della moda e, soprattutto per gli etailer e, infine, ci sono delle professioni meno conosciute ma altrettanto indispensabili per il business, quanto bizzarre.

Ecco qui una carrellata di una decina di queste ultime. Partiamo dalla decima: il manichino vivente. I modelli live si muovono improvvisamente, non senza destare qualche spavento, nella vetrina che stiamo guardando, oppure ci vengono incontro alla presentazione stampa delle griffe durante le fashion week di tutto il mondo.

In nona posizione ci sono i bibliotecari del tessuto: una laurea specializzata in tasca e il compito di fare visita ai designer, proporre tessuti più o meno sostenibili e tessere contatti con l'industria della moda e i capi delle aziende produttrici.

Gli organizzatori o i manager professionali del guardaroba sono coloro i quali, al servizio delle aziende della moda, o dei giornali, o, ancora, delle catene, si occupano della classificazione, raccolta e archivio degli abiti e, come maghi, sono capace di recuperare un determinato capo tra migliaia di capi.

Al primo posto tra le professioni bizzare c'è il lettore di rossetto

Al settimo posto troviamo i modelli che non sfilano ma, un po' come accadeva cinquanta anni fa, indossano gli abiti per gli stilisti che fanno per prove e devono capire se quel modello si adatta a persone reali e se è effettivamente un capo pratico. A questi modelli è chiesto anche un parere sulla vestibilità dell'abito indossato.

Il sesto posto va ai coreografi di sfilata e a coloro i quali spetta il compito di scegliere la musica. Abiti a parte, si deve a loro il successo di molte sfilate che riescono a catturare l'attenzione di buyer, giornalisti e fotografi.

Il quinto posto va agli scenografi dei fashion show e dei servizi di moda. Siepi, aeroporti, banchi della frutta, giungle: tutto quello che compare sulle pagine dei giornali oppure sulle passerelle è il frutto del lavoro di un professionista che deve saper tradurre in atmosfera e realtà le visioni e le ispirazioni dello stilista.

Il quarto lavoro è a metà tra l'estetista e l'angelo custode. Si tratta di colui che sta dietro a tutte le celebrità: top model, icone fashion, stilisti, che popolano il mondo della moda. Autore delle abbronzature invernali più natuarli, dei visi sani e rilassati, in Usa si chiama: "model and celebrity tanning professional".

 

Al terzo posto abbiamo "l'addetto alla stiratura delle rughe". Si tratta del professionsita che fa in modo che i capi che ci arrivano a casa, dopo aver cliccato e pagato online, restino lisci e perfetti, in pelle o tessuto che siano. Questo "mago della ruga" con uno speciale ferro, farà in modo che il tessuto sui prodotti rimanga senza pieghe e ben teso.

Il secondo posto va allo "scienziato sensoriale". Si tratta di un professionista che deve saper individuare la crema più adatta a un determinato tipo di pelle e di viso. Questi professionisti hanno una formazione rigorosa e lavorano per aziende della cosmetica oppure per grosse griffe.

Il primo posto, ma è stata una dura battaglia con lo "scienziato sensoriale", è stato assegnato al lipsologist. Si tratta di una sorta di psicologo del rossetto, ossia un professionista che solamente analizzando l'impronta del rossetto lasciata sulla carta può dire se una modella o una persona è energica, creativa, romantica o altro ancora. Molte case di moda utilizzano questa figura perchè vogliono lanciare un determinato messaggio attraverso le loro campagne pubblicitarie o durante le sfilate. Tonalità di rossetto e lucentezza, infatti, sono determinanti ai fini della comunicazione che viente percepita attraverso una semplice immagine.

 

Nel mese di Agosto FashionUnited si concenterà sui lavori della moda. Per leggere sul tema clicca qui.

 

Credit illustrations: Studio Iva (IGM: studio_iva)

lavorare nella moda
lettore di rossetto
WORKINFASHION