I fiori dominano sulle passerelle della haute couture parigina

Dopo i giorni della moda maschile, le collezioni di alta moda di Parigi hanno catalizzato l'attenzione di stampa e buyer.

Nonostante la stravaganza generale della kermesse, il numero di visitatori che hanno visto le passerelle è stato inferiore rispetto alla precedente edizione. Gli hotel in zona hanno riportato un calo del 9 percento degli ospiti durante la settimana della moda di Parigi, molto probabilmente a causa del recente attacco alla rivista satirica, Charlie Hebdo, il mese scorso.

I fiori dominano sulle passerelle della haute couture parigina

Solo 14 etichette hanno il privilegio di poter dire che producono haute couture

Solo 14 etichette selezionate hanno il privilegio di poter dire che producono haute couture. A Parigi, il titolo di haute couture è giuridicamente protetto e soggetto a criteri rigorosi. Gli stilisti possono farsi chiamare haute couturier solo se sono membri ospiti della Chambre Syndicale de la Couture, l'istituto che nomina gli stilist haute couturier per cinque anni, e solo se i membri dell'istituto sono tutti d'accordo.

Il nome più recente aggiunto alla lista dei sarti è Alexandre Vauthier, che vanta tra i clienti nomi di artisti come Beyonce e Rihanna. Un certo numero di designer sono stati anche invitati a sfilare durante la settimana della haute couture su una base "temporanea", come Versace, Valentino, Viktor & Rolf, Yiqing Yin e Schiaparelli.

Durante la settimana della haute couture, i designer hanno regalato alla città una sensazione di leggerezza. I fiori sono stati protagonisti durante la Haute Couture week, soprattutto da Chanel, dove fiori meccanici sono "sbocciati" al centro della passerella circolare.

Naomi Campbell ha indossato un ensemble che somigliava a un bouquet durante il fashion show di Jean Paul Gaultier

Naomi Campbell ha percorso la passerella indossando un ensemble che somigliava a un bouquet da matrimonio durante il fashion show di Jean Paul Gaultier. Il designer francese ha annunciato l'anno scorso che avrebbe smesso di lavorare sulla linea prêt-à-porter per focalizzare tutta la sua attenzione alle collezioni di alta moda.

La maison di moda Versace ha dato il via all'inizio della settimana della haute couture. Nel parterre anche le attrici Goldie Hawn e Kate Hudson. In passerella una serie di abiti nei toni dell'azzurro vivace, del rosso e del bianco.

"Ho sempre pensato al futuro e per tanti anni e sono sempre stato anti-romanticismo, ma il passato può anche essere bello," ha detto Raf Simons, direttore creativo di Dior alla Afp. Per la collezione estiva della maison, ha creato stivali arancioni fluorescenti e vestiti stretti con disegni a fiori che sono stati presentati da modelle che scendevano da una sorta di da opere spaziali create nei giardini del Museo Rodin di Parigi.

Secondo Simons, i capi rappresentano il romanticismo degli anni Cinquanta, con il lato sperimentale degli anni Sessanta e la libertà degli anni Settanta. Il designer ha voluto creare qualcosa di più selvaggio, sensuale e libero proprio per la collezione haute couture donna.

I fiori dominano sulle passerelle della haute couture parigina

Karl Lagerfeld, ha pensato che il mondo, in particolare la capitale della Francia, avrebbe potuto beneficiare di un po' di leggerezza e umorismo dopo il tragico evento il 7 gennaio. Per lo show, Chanel ha trasformato il Grand Palais in un magico giardino con giganteschi fiori tropicali bianchi fatti da origami, palme e foglie di banano. La sfilata si è aperta con i giardinieri che portavano annaffiatoi per bagnare le piante.

Ogni abito poteva essere visto come una pianta fiorita, appena sbocciata all'inizio della sfilata e in piena fioritura verso il finale dello show. La casa di moda ha presentato giacche di tweed con fiori e abiti in una serie di colori pastello. C'erano anche un certo numero di camicette di chiffon lunghe, che sono state indossate su gonne midi e top corti.

Viktor & Rolf ispirati da Vincent Van Gogh

Anche Viktor & Rolf hanno portato i fiori in passerella. Viktor Horsting e Rolf Snoeren da Geldrop sono stati ispirati dal pittore Vincent van Gogh, che ha portato cappelli in paglia e slippers nella collezione. Il duo ha collaborato con la società di tessuti Vlisco, che ha prodotto le stoffe utilizzate per la collezione.

Shakespeare, Dante e Marc Chagall sono state le fonti di ispirazione per la collezione estiva 2015 haute couture di Valentino: ispirazioni che si sono tradotte in velluto, ricami e tessuti fluttuanti. C'era anche un tema forte legato al folklore russo visto l'uso di tessuti tradizionali, gilet e scamiciati. Valentino ha anche presentato corsetti, sia in modelli trasparenti, sia in seta e pizzo.

Un nome era assente dal calendario: Maison Margiela. La casa di moda, ora sotto la direzione creativa di John Galliano, ha presentato la sua collezione il mese scorso a Londra invece che a Parigi. Una decisione che, come spesso accade, può portare Maison Margiela a perdere il suo status di haute couture.

Scritto da Yasmine Esser, tradotto da Isabella Naef

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO