• Home
  • News
  • Moda
  • In foto: la moda secondo Emanuel Ungaro

Moda

In foto: la moda secondo Emanuel Ungaro

Scritto da Isabella Naef

24 dic 2019

Lo stilista di origini italiane, scomparso a Parigi all'età di 86 anni, ha lasciato un'eredità incredibile in fatto si stile, innovazione e capacità di esaltare la femminilità e la bellezza femminile lasciando alle donne anche la possibilità di essere un po' irriverenti e di giocare con la moda. Proprio per questo Ungaro è stato uno degli ultimi grandi couturier del mondo.

Con queste immagini FashionUnited sfoglia la storia della moda di qualche decennio e lo stile inconfondibile e meraviglioso di questo grande stilista.

Emanuel Ungaro è stato uno degli ultimi grandi couturier del mondo

Nato a Aix-en-Provence, nel 1933, Ungaro era figlio di un sarto pugliese, di Francavilla Fontana, esule in Francia perché antifascista. Lo stilista lascia la moglie, Laura Bernabei, e la figlia Cosima.

Ungaro creò la propria griffe nel 1965 e presentò la sua prima collezione durante il periodo d'oro della moda futurista. La sua cifra stilistica, oltre a una capacità ineguagliabile di far risaltare femminilità ed eleganza, si ritrova in un mix di stampe e sfumature luminose su drappeggio.

Nel 1996 la sua azienda fu acquistata dal gruppo italiano Ferragamo, ma il suo addio alla moda avvenne nel 2004. Nel 2005 Ungaro passò al fondo Usa Aimz, controllato dall’imprenditore Asim Abdullah. La storia della griffe è legata all'italia tanto quanto sono italiane le radici di Ungaro: in tempi diversi la produzione delle collezioni è stata affidata alle aziende italiane Aeffe e Modalis, per diversi anni la direzione creativa dell'etichetta è affidata a Giambattista Valli e a Fausto Puglisi ( dal 2012 al 2017).

Foto: Gerard Julien / AFP, Pierre Verdy / AFP, Thomas Coex / AFP