• Home
  • News
  • Moda
  • Interbrand Best Global Brands 2020: anche Gucci e Prada in classifica

Interbrand Best Global Brands 2020: anche Gucci e Prada in classifica

Scritto da Isabella Naef

20 ott 2020

Moda

Amazon, Microsoft, Spotify e Netflix sono tra i brand con il maggior tasso di crescita secondo l'annuale classifica di Interbrand, Best global brands. Sul podio figura Apple, secondo Amazon e terzo Microsoft.

La crescita dei social media e dei mezzi di comunicazione virtuale ha segnato l’ingresso di Instagram (al 19esimo posto, con un valore del brand di 26,060 miliardi di dollari), YouTube (in 30esima posizione a 17,328 miliardi di dollari) e Zoom (al 100esimo posto con, - 4,481 miliardi di dollari).

A seguito della chiusura di numerosi punti vendita il valore del brand di Zara e di H&M scende con un conseguente calo di almeno sei posti

Alcuni dei brand in classifica, spiegano i manager di Interbrand in una nota, hanno sofferto l'effetto della pandemia da Covid-19: a seguito della chiusura di numerosi punti vendita il valore del brand di Zara (35esimo) e H&M (37esimo) scende rispettivamente del 13 per cento e del 14 per cento, con un conseguente calo di almeno sei posti rispetto all’anno scorso.

Dopo aver conquistato il titolo di settore a maggiore crescita per due anni consecutivi, il lusso registra nel 2020 una battuta d’arresto con una decrescita del valore tra l’1-9 per cento per tutti i brand del comparto, tranne Hermès (28esimo), che rimane stabile allo stesso valore.

Un settore che, invece, ha beneficiato del contesto è quello della logistica che ha visto una crescita media del valore dei brand del 5 per cento.

“L’attuale crisi sanitaria ed economica non sarà una fase momentanea, ma segna la transizione verso un mondo diverso, dominato da nuove priorità, aspettative, possibilità e responsabilità”, osserva Manfredi Ricca, global chief strategy officer di Interbrand. “Per essere rilevante, qualsiasi brand dovrà riflettere una chiara agenda tecnologica, sociale e ambientale, basata su una profonda comprensione delle necessità delle persone".

Anche quest’anno l’Italia è rappresentata da tre brand: Gucci (32esimo, 15,675 miliardi di dollari) Ferrari (79esimo) e Prada (99esimo - 4,495 miliardi di dollari) che hanno dimostrato una particolare resilienza alla crisi dovuta alla pandemia, registrando una sostanziale stabilità del valore del brand.

“Fattori esterni, come quelli che stiamo vivendo, possono rendere la vita di un'azienda più difficile, ma non possono soffocarne i valori. Ecco perché sono molto orgoglioso del nostro risultato nella Best Global Brands 2020, che ci vede ancora una volta al primo posto tra i marchi italiani e in crescita nella classifica globale. Ora più che mai abbiamo bisogno del nostro spirito, abbiamo bisogno dei nostri valori, di tutto ciò che ci rende diversi e speciali, per guardare avanti", ha detto, commentando il risultato della griffe fiorentina nella galassia Kering, Marco Bizzarri, presidente e ceo di Gucci.

“I brand italiani hanno dimostrato come chiarezza di visione, resilienza e capacità di cambiamento siano stati fondamentali per affrontare le conseguenze della pandemia in ambiti premium nei quali operano” ha affermato Lidi Grimaldi, managing director della sede italiana di Interbrand. “Le loro sono storie di grande interesse il cui denominatore comune è la determinazione nel perseguire e valorizzare il proprio Dna”.

Il valore dei 100 Best global brands ammonta a 2.336,491 miliardi di dollari, con un incremento del 9 per cento rispetto al 2019.

"Questo aumento è stato guidato principalmente dai brand “Big Tech”: nello specifico la crescita media dei brand tecnologici e delle piattaforme è stata del 20 per cento e questi due ambiti rappresentano il 48 per cento totale del valore aggregato dei Best Global Brands 2020, percentuale che nel 2010 era 17 per cento. Il valore dei primi tre brand è pari al 30 per cento di quello totale, mentre nel 2010 raggiungeva il 16 per cento", si legge nella nota.

Tra gli altri marchi della moda presenti in classifica figura anche Adidas al 50esimo posto, Dior in 83esima posizione e Burberry in 97esima.

Foto: Gucci, dall'ufficio stampa