• Home
  • News
  • Moda
  • Jean Paul Gaultier dice addio alle passerelle con 700mila cristalli Swarovski

Moda

Jean Paul Gaultier dice addio alle passerelle con 700mila cristalli Swarovski

Scritto da Isabella Naef
24 gen 2020

Come preannunciato nei giorni scorsi, con la sfilata del 22 gennaio, a Parigi, Jeanl Paul Gaultier ha detto addio alle passerelle. "Addio, ma il meglio deve ancora venire", ha affermato lo stilista 67enne che ha chiuso 50 anni di carriera con un fashion show di quasi un'ora e mezza, Al Théâtre du Châtelet a Parigi. Il designer ha fatto sapere che darà vita a un nuovo progetto con la sua griffe. Insomma, la maison de couture Gaultier Paris continua con un progetto di cui lo stilista è il promotore e che sarà raccontato prossimamente.

Jean Paul Gaultier: "addio, ma il meglio deve ancora venire"

Swarovski e Jean Paul Gaultier hanno collaborato per i look da sfilata impreziositi da cristalli Swarovski accanto alla nuova collezione di gioielli Atelier Swarovski x Jean Paul Gaultier per la l'autunno inverno. Nel dettaglio, in passerella sono finiti 700.000 cristalli forniti dalla collaborazione di lunga data con Swarovski. Pietre cucite, ciondoli, perline, transfer di cristalli e perle di cristallo sono apparsi sulle sue creazioni di haute couture: 18 look chiave e 25 accessori indossati da modelle e celebrità tra cui Joan Smalls, Dita Von Teese, Erin O'Connor, Yasmin Le Bon, Rossy de Palma, Jade Parfitt, Cristina Cordula, Amanda Lear e Iris Mittenaere.

La sfilata comprendeva anche un'anteprima della nuova collezione di gioielli icona della designer autunno inverno 20, Atelier Swarovski x Jean Paul Gaultier. Ispirate alle influenze street punk degli anni '90, le modelle indossavano pezzi a strati, tra cui orecchini, cerchi, collane e anelli, che presentavano tagli di cristalli Swarovski disegnati per emulare specchi vintage.

"Siamo lieti di collaborare con l'icona della moda, Jean Paul Gaultier, in occasione della sua sfilata per il 50esimo anniversario dell'alta moda e della nuova straordinaria collezione di gioielli. Negli ultimi due decenni, Jean Paul è stato per noi un collaboratore molto amato e fonte di ispirazione nel campo della moda, degli accessori e della gioielleria, e siamo entusiasti di aggiungere quel qualcosa in più a questa celebrazione del suo incredibile talento creativo", ha sottolineato Nadja Swarovski, membro del comitato esecutivo Swarovski e direttore creativo dell'Atelier Swarovski.

"Swarovski mi ha accompagnato fin dai miei inizi anche quando potevo permettermi solo pochi cristalli e sono felice di poter presentare la nostra nuova collaborazione alla mia ultima sfialta ", ha aggiunto Gaultier.

Lo stilista, nato ad Arcueil il 24 aprile 1952, è cresciuto nei sobborghi di Parigi. Gaultier non ha mai frequentato scuole per stilisti ma riuscì a impressionare Pierre Cardin con il suo talento, tanto da chiamarlo a lavorare con lui nel 1970. La sua prima collezione venne realizzata e il suo stile irriverente comincia a comparire nel 1981. Nacque così l'enfant terrible della moda francese. Nel corso degli anni Gaultier ha disegnato molti dei costumi indossati da Marilyn Manson, inclusi quelli del periodo di promozione dell'album The Golden Age of Grotesque. Il designer è conosciuto anche per le sue esibizioni al Metropolitan Museum of art di New York, dove fa sfilare degli uomini in gonna, tutto ciò è conosciuto come Bravehearts - Men in Skirts.

Foto: la sfilata di Gaultier, Credit: Jason Lloyd-Evans, dall'ufficio stampa, Swarovski