• Home
  • News
  • Moda
  • La fashion week di Londra di gennaio è annullata

Moda

La fashion week di Londra di gennaio è annullata

Scritto da Isabella Naef

2 nov 2020

La prossima edizione della London Fashion week si svolgerà da venerdì 19 a martedì 23 febbraio 2021 e gli stilisti della moda maschile saranno incoraggiati a partecipare all'evento di febbraio, in quanto la moda uomo, in agenda a gennaio, è stata cancellata. La settimana della moda londinese si svolgerà online con presentazioni fisiche in scala ridotta. Il British fashion council, si legge in una nota, è in costante comunicazione con il Governo per comprendere le linee guida e le restrizioni.

Nel 2021 Londra avrà solo tre fashion week

Cancellata la settimana della moda uomo, a causa della pandemia da Covid-19, pare che le fashion week di Londra saranno aperte a tutti i generi e a tutte le stagioni, non solo a febbraio ma anche a giugno e a settembre (rispettivamente dall'11 al 14 giugno e dal 17 al 21 settembre).

La piattaforma messa a punto per la london fashion week, inoltre, continuerà a fungere da official digital hub e sarà liberamente accessibile a tutti, professionisti del settore e consumatori globali della moda.

In ogni caso, quest'anno ci saranno solo tre settimane della moda a Londra.

In Italia, al momento, gli organizzatori delle principali fiere della moda e delle fashion week stanno cercando di capire come muoversi per i prossimi eventi. Proprio qualche giorno fa, Raffaello Napoleone, amministratore delegato di Pitti Immagine, ha sottolineato quanto sia difficile lavorare in un clima di incertezza come quello che caratterizza l'Italia in questo momento a causa della pandemia e della gestione della stessa.

"Siamo ben consapevoli di quanto sia difficile per il Governo gestire una situazione sanitaria nuovamente di emergenza", ha detto Raffaello Napoleone, amministratore delegato di Pitti Immagine,"ma la decisione di sospendere le fiere internazionali sino al prossimo 24 novembre, oltre a cancellare eventi già programmati e imminenti, rende più difficile l'organizzazione dei saloni anche per i mesi successivi, come è già stato rilevato, con pesanti conseguenze sia per gli enti promotori sia per le aziende. Sappiamo che il Governo, pur in una situazione finanziaria molto complessa, sta lavorando giustamente e meritoriamente anche a un robusto piano di indennizzi e di aiuti per le imprese fieristiche in sofferenza", ha sottolineato il ceo di Pitti Immagine, "un fatto positivo che dimostra comprensione per quanto sta succedendo nel nostro settore. Gli aiuti pubblici sono e saranno fondamentali, ma solo se insieme a essi gli operatori economici potranno fare la loro parte”.

“La sospensione rafforza il clima di incertezza", ha aggiunto Napoleone, "e rischia di interrompere la fase di preparazione in corso e lascia poco tempo alle aziende e ai compratori internazionali per pianificare e organizzare gli spostamenti e la partecipazione alle fiere. Occorre cercare soluzioni sostenibili e praticabili nel più breve tempo possibile, con il coinvolgimento attivo degli enti locali e delle Regioni, vista la rilevanza che l’indotto di tali eventi ha per i sistemi economici territoriali".

Foto: London Fashion Week website