• Home
  • News
  • Moda
  • La moda di New York è bloccata nella routine?

La moda di New York è bloccata nella routine?

Scritto da Don-Alvin Adegeest

loading...

Moda

Ralph Lauren S24 050 Credits: Spotlight Launchmetrics
New York, la vivace metropoli rinomata per lo skyline, la cultura variegata e l'ininterrotta energia, è bloccata in una routine. Negli ultimi tempi la scena della moda della città è stata criticata per la mancanza di innovazione e creatività. Alcuni osservatori sostengono che l'industria della moda della città sia diventata in qualche modo stagnante, con stilisti affermati che spesso si attengono a formule collaudate piuttosto che spingersi oltre i confini del design.

La settimana della moda newyorkese, un tempo creatrice di tendenze a livello mondiale, sembra aver perso parte del suo fascino all'avanguardia. Gli stilisti emergenti si trovano ora ad affrontare sfide scoraggianti nel tentativo di imporsi in un mercato saturo e ferocemente competitivo e commerciale.

Un marchio emergente si è distinto, anche se non necessariamente per la sua collezione.

La moda sul tetto

Lunedì la stilista Shao Yang ha presentato il suo marchio, Shao, sul tetto dell'appartamento di Anna Delvey. In particolare, la signora Delvey, la famigerata truffatrice immortalata nella serie Netflix interpretata da Julia Garner, ha ospitato l'evento. Il tetto del suo appartamento a sei piani è stato trasformato in una passerella improvvisata, un'idea nata dalla maestra delle pubbliche relazioni Kelly Cutrone. Le modelle hanno dovuto farsi acconciare e truccare in un autobus parcheggiato nelle vicinanze, poiché lo spazio limitato non consentiva un'area di backstage tradizionale. La signora Yang, laureata alla Parsons e visionaria del marchio The Tailory New York, che ha 9 anni di vita, potrebbe essere considerata un'esperta nel mescolare l'alta sartoria con elementi di streetwear contemporaneo. Sa anche come sfruttare una buona pubblicità. L'evento ha generato un'eco straordinaria, quella che gli stilisti in erba desiderano quando lanciano le loro collezioni. Nel frattempo, altri marchi affermati, nonostante le loro macchine di marketing ben oliate, hanno cercato di ottenere un effetto simile, ma non hanno avuto successo.

In particolare, la sfilata di Tory Burch, ricca di celebrità, sembrava porre l'accento più sullo spettacolo del front row che sulla collezione, con un comunicato stampa che gridava a caratteri cubitali ogni celebrità presente nell'oggetto dell'email. Il comunicato elencava anche gli outfit indossati dalle star. Fin qui tutto da ridere. Il comunicato ribadisce che il concetto di moda in prima fila è diventato inestricabilmente noioso, soprattutto tra i marchi commercialmente più esperti e dotati di budget colossali per le loro sponsorizzazioni, che spesso mettono in ombra l'abbigliamento stesso. La maggior parte dei look finisce per essere rapidamente dimenticata dopo la sfilata.

Quando invitare le celebrità può essere controproducente

Quando uno stilista si rivolge alle celebrità per ottenere un po' di notorietà, rischia di essere superficiale e di non porre l'accento sugli abiti e sull'artigianalità. Perché, come tutti sanno, le celebrità sono pagate per partecipare e questo dà la percezione che si tratti più di affari che di arte. Viene da chiedersi: se i marchi hanno a disposizione questi enormi budget per la produzione, perché non producono qualcosa che ipnotizzi e innovi?

Per Ralph Lauren, il fascino senza tempo dello chic equestre è stato ancora una volta al centro della scena. Trasformando il Brooklyn Navy Yard in una baita del Colorado, il signor Lauren ha trasportato gli ospiti nel suo regno caratteristico, dove la nostalgia si armonizza con i sogni americani e un pizzico di opulenza inglese del vecchio mondo. Anche in mezzo a un pubblico di star che comprendeva Julianne Moore, Jennifer Lopez e Diane Keaton, il signor Lauren sa che le cose migliorano solo con l'età. I nomi delle celebrità non sono necessari.

Scritto originariamente da Don-Alvin Adegeest per l'edizione americana, tradotto da Isabella Naef per fashionunited.it

Anna Delvey
New York Fashion Week
Ralph Lauren
Shao Yang
Tory Burch
Scroll down to read more