• Home
  • News
  • Moda
  • La moda maschile italiana nel 2021 slitta di una settimana

Moda

La moda maschile italiana nel 2021 slitta di una settimana

Scritto da Isabella Naef

23 gen 2020

Attraverso una nota Pitti Immagine e Camera nazionale della moda italiana hanno annunciato che nel 2021 le date invernali di Pitti Uomo e della Milano fashion week uomo slitteranno di una settimana in avanti e "la settimana della moda maschile in Italia recupererà una collocazione in calendario più in sintonia con le agende di aziende, buyer, giornalisti e operatori internazionali e italiani". La kermesse fiorentina dedicata alla moda uomo si svolgerà dal 12 al 15 gennaio 2021, mentre Milano moda uomo è in agenda dal 16 al 19 gennaio.

Pitti Uomo si svolgerà dal 12 al 15 gennaio 2021, mentre Milano moda uomo è in agenda dal 16 al 19 gennaio

"Penso che le date concordate per le settimane dell’uomo 2021", ha detto Carlo Capasa, presidente di Camera nazionale della moda italiana, "consentano di consolidare e migliorare i positivi risultati registrati nelle ultime stagioni, restituendo una maggiore centralità a Firenze e Milano nel calendario internazionale maschile. L’unicità e la forza della proposta Italiana che unisce Firenze a Milano, oltre all’importanza della nostra industria nel mondo, richiedono la massima attenzione verso tutte le componenti del sistema globale della moda”.

“Milano e Firenze insieme", ha aggiunto Claudio Marenzi, presidente di Pitti Immagine, "promuovono i grandi marchi e le migliori aziende industriali italiane, ma hanno anche il dovere di rappresentare gli interessi di tutti i grandi buyers di alta qualità, che proprio nelle nostre manifestazioni trovano tanti dei loro più importanti clienti. Continueremo a monitorare l’evoluzione della distribuzione globale per offrire servizi sempre più sofisticati e avanzati”.

Nella nota sono state annunciate anche le date estive. Pitti Uomo andrà in scena dal 15 al 18 giugno 2021 e la settimana della moda uomo dal 19 al 22 giugno 2021.

Pitti Uomo, kermesse che si è conclusa venerdì 10 gennaio 2020 alla Fortezza da Basso di Firenze, ha registrato un numero di compratori pari a 21.400, di cui più di 8.300 esteri, in calo del 10 per cento rispetto a gennaio 2019. I mercati più importanti per la kermesse fiorentina sono Germania, Giappone, Olanda, Regno Unito, Spagna, Turchia, Francia, Svizzera, Belgio, Stati Uniti, Russia, Corea, Cina, Austria, Grecia, Portogallo, Svezia, Danimarca, Canada, Cina-Hong Kong.

Una lista di Paesi che non stupisce a guardare i dati della moda maschile italiana nel 2019-20. Infatti, nell’ambito di uno scenario nazionale e internazionale gravato da molteplici complessità e incertezze, secondo le stime elaborate dal Centro Studi di Confindustria moda, la moda maschile italiana (in un’accezione che comprende la confezione e la maglieria esterna, la camiceria, le cravatte e l’abbigliamento in pelle) dovrebbe archiviare il 2019 in territorio positivo. Il fatturato, prudenzialmente, dovrebbe registrare un +4 per cento, a quota 9,9 miliardi di euro.

Foto: Gucci, autunno inverno 20-21. credit, Anton Gottlob/Dan Lecca/Kevin Tachman, dall'ufficio stampa Gucci