• Home
  • News
  • Moda
  • Lyst: i fashion victim cercano materiali sostenibili

Moda

Lyst: i fashion victim cercano materiali sostenibili

Scritto da Isabella Naef

18 nov 2019

Secondo Year in Fashion 2019, report annuale che analizza i fenomeni e i trend che hanno caratterizzato il settore durante l’anno, il 2019 ha visto la moda sostenibile crescere in maniera esponenziale. Le ricerche di materiali sostenibili specifici sono cresciute del 102 per cento per l’econyl, del 52 per cento per il cotone organico, del 130 per cento per il repreve e del 42 per cento per il tencel. I jeans Row di Weekday, realizzati in cotone biologico, sono stati i jeans più desiderati su Lyst.

Lyst: Off-White è stato il brand più desiderato dell’anno, mentre il marchio rivelazione 2019 è Bottega Veneta

L'anno, inoltre, si avvia alla fine nel segno dell'inclusività: i fashion victim hanno optato per una moda che riflettesse i bisogni e i gusti di comunità diverse; le ricerche di articoli versatili e semplici sono cresciute rispettivamente dell’80 per cento e del 90 per cento. C’è stato un aumento del 52 per cento nella ricerca dei termini “unisex” e “di genere neutro” relazionati alla moda.

Meghan Markle è stata la celebrity più influente del 2019 e i suoi outfit hanno scatenato in media un incremento del 216 per cento nelle ricerche di articoli simili a quelli da lei indossati.

Quanto alle singole etichette, Off-White è stato il brand più desiderato dell’anno, mentre il marchio rivelazione 2019 è Bottega Veneta.

I mesi appena trascorsi hanno segnato anche il ritorno delle icone della moda anni '90. La baguette bag di Fendi ha visto un aumento delle ricerche del 164 per cento su base annua, mentre quelle di Paco Rabanne sono cresciute del 31 per cento rispetto al 2018.

I cinque marchi da tenere d’occhio per il 2020, stando ai termini di ricerca in più rapida crescita negli ultimi sei mesi, sono Rotate Birger Christensen (+27 per cento) Gcds (+23 per cento), Alyx (+36 per cento), Marine Serre (+32 per cento) e Cecilie Bahnsen (+38 per cento).

Domina lo streetwear. Gli utenti hanno speso in media 192 dollari per un nuovo paio di sneaker, il 39 per cento in più rispetto all’anno passato. La spesa media per l’acquisto di una t-shirt è aumentata del 16 per cento con 67 dollari.

La richiesta di body e calzamaglie è cresciuta complessivamente dell’83 per cento.

Per tracciare la direzione in cui si sta muovendo il fashion business, Lyst, motore di ricerca dedicato al mondo della moda, ha curato Year in Fashion 2019, il report annuale che analizza i fenomeni e i trend che hanno caratterizzato il settore durante l’anno grazie alla banca dati di Lyst, piattaforma globale scelta nel 2018 da oltre 104 milioni di persone in 120 Paesi per le loro ricerche di accessori, borse e capi di abbigliamento.

Per redigere Year in Fashion 2019, sono state monitorate 200 milioni di ricerche online a livello globale e sono stati analizzati le parole chiave, i dati di vendita, le pagine visualizzate e le menzioni sui social media per oltre 6 milioni di prodotti moda di 12.000 e-commerce monomarca e multibrand nel periodo gennaio-novembre 2019.

Foto: Bottega Veneta website