• Home
  • News
  • Moda
  • Tommy Hilfiger si impegna contro discriminazione, disuguaglianza e razzismo

Moda

Tommy Hilfiger si impegna contro discriminazione, disuguaglianza e razzismo

Scritto da Isabella Naef

14 lug 2020

Tommy Hilfiger, come molti altri marchi hanno fatto negli ultimi due anni, ha annunciato il lancio di una nuova piattaforma in risposta al movimento Black lives matter, che cercherà di far progredire la rappresentazione dei neri, degli indigeni e delle persone di colore (Black, indigenous and people of colour, Bipoc) che lavorano all'interno delle industrie della moda e della creatività.

Battezzata "People's place program", l'iniziativa prende il nome dal primo negozio di Tommy Hilfiger aperto nel 1969 nella città natale di Hilfiger, Elmira, New York, e avrà un impegno iniziale minimo di 5 milioni di dollari americani in finanziamenti annuali per i prossimi tre anni.

L'iniziativa sarà a favore di Black, indigenous and people of colour e sarà focalizzata su partnership, accesso alla carriera e leadership del settore

"Quello che sta succedendo alle comunità nere negli Stati Uniti e in tutto il mondo non dovrebbe trovare posto nella nostra società", ha detto Tommy Hilfiger in una nota. "Il fatto che abbia continuato ad esistere nel nostro settore, apertamente e sistematicamente, è inaccettabile. Siamo molto indietro rispetto a dove dovremmo essere per ottenere una rappresentanza diversificata".

"Non ci sarebbe dovuto volere così tanto tempo per riconoscerlo, ma siamo determinati e impegnati a cambiarlo in futuro. Saremo determinati, impavidi e incrollabili nelle nostre azioni. Attraverso il People's place program, useremo la nostra piattaforma per creare opportunità e lottare per ciò che è giusto".

Il piano di Tommy Hilfiger fungerà da punto di partenza per affrontare la discriminazione, l'ingiustizia, la disuguaglianza e il razzismo

L'iniziativa sarà focalizzata su partnership, accesso alla carriera e leadership del settore, utilizzando una strategia a tre pilastri per ottenere "un cambiamento coerente e a lungo termine", ha aggiunto l'azienda che fa capo a Pvh Corp. Nel dettaglio, il primo pilastro è costituito dalle partnership e dalla rappresentanza, il marchio si concentrerà su "collaborazioni mirate" che aumentano in modo specifico la visibilità delle minoranze, oltre a introdurre partnership con organizzazioni e colleghi creativi la cui missione è quella di far progredire la rappresentanza della persone di colore.

Il secondo pilastro è dedicato al supporto alla carriera e all'accesso dell'industria alla rappresentanza avanzata delle comunità di minoranza all'interno dell'industria della moda e creativa. Tommy Hilfiger afferma che utilizzerà le sue "conoscenze e risorse" per garantire opportunità di carriera fornendo accesso a informazioni o materiali fisici, consulenza specialistica e accesso al settore.

L'ultimo pilastro riguarda la leadership dell'industria e per contribuire ad aumentare la rappresentanza a tutti i livelli, l'azienda ha dichiarato che si impegnerà ad "analizzare in modo indipendente e a livello industriale la diversità, l'equità e l'inclusione nell'industria della moda, e lavorerà per creare piani d'azione concreti da utilizzare internamente che possano essere condivisi anche con l'industria della moda in senso lato".

Il lancio di questo programma fa seguito alla personale chiamata all'azione di Hilfiger in risposta al movimento Black lives matter alla fine di maggio, che, secondo lui, "ha istigato un cambiamento verso una cultura di maggiore ascolto, apprendimento e coinvolgimento sia interno, sia con l'industria della moda per comprendere meglio il ruolo che il marchio dovrebbe svolgere per sostenere le comunità Bipoc. Il team del People's place program è attualmente impegnato in riunioni e scambi con i colleghi e i partner del settore che possono contribuire a far avanzare la missione della piattaforma e a massimizzare l'impatto in tutto il panorama della moda.

"Come azienda, non abbiamo fatto abbastanza. Ma siamo determinati a fare meglio. Stiamo mettendo a punto azioni immediate per garantire che le comunità Bipoc nel settore della moda si sentano rappresentate, ascoltate e ugualmente benvenute", ha sottolineato Martijn Hagman, amministratore delegato di Tommy Hilfiger Global e Pvh Europe.

Sui risultati economici e finanziari di Pvh Corp.nei primi tre mesi ha pesato molto la chiusura legata alla pandemia da Covid-19. Nel primo trimestre del 2020 è stato registrato un calo senza precedenti dei ricavi e degli utili.

Numeri alla mano, il fatturato del primo trimestre è sceso del 43 per cento a quota 1,344 miliardi di dollari, ed è diminuito del 42 per cento a valuta costante rispetto al periodo dell'anno precedente. La perdita per azione su base Gaap è stata di 15,37 dollari rispetto all'utile per azione di 1,08 dollari e la perdita per azione su base non Gaap è stata di 3,03 dollari rispetto all'utile per azione di 2,46 dollari nel periodo dell'anno precedente.

Foto: Per gentile concessione di Tommy Hilfiger