• Home
  • News
  • Moda
  • Zalando investe sulla circolarità nell’industria della moda

Zalando investe sulla circolarità nell’industria della moda

Scritto da Isabella Naef

6 ott 2021

Moda

Courtesy of Zalando

Zalando punta sulla circolarità lungo l’intero ciclo di vita del prodotto, dallo sviluppo di standard di design all’investimento in nuove tecnologie di riciclaggio.

“Questo impegno sostiene l’obiettivo di applicare i principi di circolarità e prolungare la vita di almeno 50 milioni di articoli di moda entro il 2023 indicato nella strategia di sostenibilità di Zalando do.More”, si legge in una nota.

“L’industria della moda opera in base a una sequenza lineare: prendi, produci, usa, smaltisci. Con le sue nuove iniziative, Zalando mira a operare una transizione verso un sistema circolare, riprogettando ogni fase del ciclo di vita del prodotto in maniera olistica: disegna e produci, usa, riusa, chiudi il cerchio. Dal design in un’ottica di circolarità attraverso la collezione “redeZign for circularity”, passando per la sperimentazione con le riparazioni, un costante ampliamento della propria offerta di capi second-hand, fino allo sviluppo di una piattaforma open source per la gestione degli scarti tessili nell’ambito del progetto Sorting For Circularity con Fashion for Good: la strategia di Zalando intende trovare risposte all’intero spettro delle sfide del settore coinvolgendo clienti, brand e partner”, prosegue la nota.

“Per ridurre il proprio impatto negativo sulle persone e sul pianeta, l’industria della moda deve evolvere verso un sistema circolare. In Zalando, vediamo questo passaggio come un’opportunità unica di guidare un ripensamento del settore della moda, aprire nuovi flussi di entrate e trarre il massimo vantaggio da cambiamenti dirompenti nei comportamenti dei consumatori che stanno già accadendo”, ha detto Lara Coppen, responsabile della circolarità di Zalando.

Nel dettaglio, nella fase di design, l’etailer sta collaborando con la Fondazione Ellen MacArthur e la start-up berlinese circular fashion per definire criteri circolari per tutto il settore e far acquisire maggiori competenze nel campo del design circolare ai propri team impegnati nelle etichette private.

A partire dall’11 ottobre, la società sperimenterà servizi di cura e riparazione per interagire con i clienti nella fase successiva all’acquisto e offrire sostegno per prolungare la durata dei prodotti. In collaborazione con la start-up londinese e la relativa app al dettaglio, Save Your Wardrobe, ora Zalando offre servizi di cura e riparazione di qualità per abbigliamento e calzature in atelier e sartorie locali selezionati ai clienti di Berlino tramite una piattaforma digitale. Per consentire ai clienti di riutilizzare e rivendere i propri capi, l’etailer espande costantemente la propria esperienza second hand grazie alla quale i clienti possono acquistare articoli di seconda mano di qualità pari ai nuovi. Dal lancio nel settembre 2020, l’offerta si è decuplicata, passando da 20mila a ormai più di 200.000 articoli. Infine, per far crescere l’attuale 1 per cento di tessili riciclati utilizzati in nuovi tessuti nel settore, Zalando sta investendo in nuove tecnologie di riciclo.