• Home
  • News
  • Moda
  • Zanellato punta sulla sostenibilità

Zanellato punta sulla sostenibilità

Scritto da Isabella Naef

12 lug 2021

Moda

Sono serviti otto anni di ricerca e sviluppo a Franco Zanellato per mettere a punto Luxethic, la concia che si pone come vera alternativa sia a quella tradizionale che a quella alle Aldeidi, non priva di rischi.

Il marchio con il suo laboratorio Za-Lab, lavorando dal 2013 con il dipartimento di chimica, materiali e ingegneria chimica “Giulio Natta” del Politecnico di Milano, ha messo a punto una miscela vegetale, cromo free e con un livello di aldeidi uguale a quello presente in natura, il cui segreto sta in un ingrediente sorprendente: la mandorla e la sua scorza. Il riutilizzo degli scarti alimentari dà quindi vita alla concia Luxethic.

Inoltre la pelle Luxethic esclude del tutto l’utilizzo Pfas (Perfluori).

Come spiega una nota, Luxethic rappresenta una reale alternativa alla concia classica, sostenibile ma anche qualitativamente eccellente. Al tatto e alla vista, infatti, mantiene le stesse caratteristiche del prodotto Zanellato. Ne migliora alcune: la grana è più raffinata (e quindi morbida), il profumo è più sofisticato e, soprattutto, la borsa è più leggera, perché il peso delle pelli utilizzate arriva fino al 20 per cento in meno.

La prima borsa Luxethic di Zanellato è arrivata nel 2015 (al tempo chiamata “Pura”), declinata sull’iconico modello Postina. Con la primavera estate 2022, il 63 per cento dei pellami del marchio saranno realizzati con la concia Luxethic.

La borsa postina taglia S in concia Luxethic ha un costo retail di 670 euro.

Foto: Postina, dall'ufficio stampa Zanellato