• Home
  • News
  • Persone
  • Carlo Capasa rieletto presidente di Camera moda per il biennio 2022-2024

Carlo Capasa rieletto presidente di Camera moda per il biennio 2022-2024

Scritto da Isabella Naef

1 lug 2022

Persone

Carlo Capasa, Camera moda italiana
Carlo Capasa rieletto presidente di Camera della moda per il biennio 2022-2024. Capasa, si legge in una nota emessa ieri da Camera nazionale della moda italiana, "è stato rieletto per acclamazione presidente e consigliere delegato".

“Gli ultimi due anni sono stati particolarmente sfidanti per il nostro settore, e sono fiero di dire che non ho mai visto così tanta comunione di intenti, collaborazione e sinergia nella nostra associazione. Abbiamo cercato con costanza e determinazione di affrontare le sfide che ci si sono poste di fronte, trovando soluzioni efficaci e rispondendo con creatività e energia. L’obiettivo per i prossimi due anni è di continuare a essere competitivi e incisivi, uniti e collaborativi nel raggiungimento degli scopi dell’associazione, che continuano ad essere dettati da esigenze concrete che si profilano sul mercato e nel contesto culturale in cui operiamo", ha sottolineato Capasa nella sua relazione.

Tra i consiglieri nominati per acclamazione Bertelli (Prada spa), Bizzarri, (Guccio Gucci spa), Alfonso Dolce (Dolce&Gabbana srl), Fabrizio Cardinali( Etro spa)

I consiglieri nominati per acclamazione all'assemblea che si è svolta ieri, a Milano, sono Patrizio Bertelli, Prada spa, Marco Bizzarri, Guccio Gucci spa, Serge Brunschwig di Fendi srl, Carlo Capasa, Alfonso Dolce di Dolce&Gabbana srl, Fabrizio Cardinali di Etro spa, Marco Gobbetti di Salvatore Ferragamo spa, Massimo Ferretti di Aeffe spa, Luigi Maramotti di Max Mara Fashion group, Angela Missoni di Missoni spa, Renzo Rosso di Otb spa, Remo Ruffini di Moncler spa, Carla Sozzani di 10Cc Global Shop srl, Jacopo Venturini di Valentino spa ed Ermenegildo Zegna di Ez Service Srl.

Al consiglio, si aggiunge il presidente onorario Mario Boselli.

"Per Cnmi questi sono stati anni significativi, in cui si è operato per approfondire e far evolvere il lavoro sviluppato intorno ai pillar indicati dall’associazione nel proprio plan strategico: sostenibilità ambientale e sociale, inclusione, digitalizzazione, formazione e promozione dei nuovi brand, rapporti istituzionali e narrazione oltre che ovviamente l’organizzazione delle settimane della moda", ha aggiunto Capasa.

Per Camera moda, si legge nella nota, in tema di sostenibilità "l’obiettivo è il raggiungimento dei più alti standard di sostenibilità attraverso una stretta collaborazione con la filiera e il coinvolgimento e la formazione degli attori del sistema".

Durante l’ultimo biennio l’Associazione ha pubblicato il “Social sustainability report” e la “Social sustainability roadmap” (2020), realizzati in collaborazione con Fair wage network, oltre al documento “Buone prassi di fabbricazione - Linee Guida sull’uso dei prodotti chimici nelle filiere produttive della moda” (2021), frutto del lavoro della Commissione chemicals di Camera moda.

Oltre alla quinta edizione dei Cnmi Sustainable fashion awards, presentata a maggio 2022, sono stati lanciati diversi progetti con focus sulla sostenibilità ambientale, tra cui il progetto Designers for the planet, volto alla promozione dei giovani talenti del made in Italy particolarmente attenti ai valori della moda sostenibile.

Sul tema dell'inclusione, "in un’ottica di evoluzione della moda italiana in una prospettiva inclusiva e multiculturale, Cnmi ha realizzato una serie di iniziative di grande impatto sociale, tra cui il tavolo di lavoro Black lives matter in italian fashion, oltre ai progetti Fashion bridges, Inclusive backstage, Fashion deserves the World e Designers for Ethical Fashion.

Si è svolta, invece, a dicembre 2021 la seconda edizione dell’”Including diversity” talk, che ha portato sul palco una serie di conversazioni legate ai temi dell’inclusività e dell’uguaglianza non solo assumendo il punto di vista della moda, ma anche abbracciando una prospettiva più ampia, ricca di spunti culturali e sociali.

Sul fronte della digitalizzazione, l'attività dell'associazione e i suoi eventi sono stati in larga parte tradotti in chiave digitale, le digital properties di Cnmi sono state espanse e rafforzate, e la produzione di contenuti fortemente implementata.

A luglio 2020 è stata realizzata la prima Milano digital fashion week, trasmessa sulla piattaforma di Cnmi, che ha raccolto oltre 300 milioni di visualizzazioni dal 2020 a oggi.

"Le ultime fashion week sono state un successo, generando rispettivamente un earned media value (print, web, social) di 90 milioni per la Milano fashion week women’s collection di febbraio 2022 e di 20,8 milioni per la Milano fashion week men’s collection di giugno 2022, rispetto agli 8 milioni di giugno 2021 (Dati: Dmr Group). Dopo due anni di pandemia, si registra però il ritorno definitivo al format fisico. A giugno 2022 i contenuti digitali sono stati solamente 5 rispetto a 65 sfilate e presentazioni in presenza", ha proseguito Capasa nella sua relazione.

CAMERA MODA
CARLO CAPASA
GUCCI
Marco Bizzarri
Patrizio Bertelli
PRADA