Kim Jones lascia Louis Vuitton

Il direttore creativo di Louis Vuitton ha lasciato la griffe francese dove era entrato nel 2011.

La sua ultima sfilata per il marchio sarà quella in agenda per domani, giovedì, a Parigi. La maison francese, per ora, non ha dato alcuna indicazione sul nome del successore dello stilista.

Kim Jones ha dato il via alla sua carriera nel 2003 durante la fashion week londinese

"E' stato un immenso privilegio lavorare con Kim", ha detto Michael Burke, presidente e direttore generale di Vuitton.

Diplomato alla scuola di moda Central Saint Martins a Londra, Kim Jones ha dato il via alla sua carriera nel 2003 durante la fashion week londinese. Successivamente ha collaborato con Uniqlo, Topman, Umbro, Alexander McQueen, Hugo Boss e Iceberg.

Nel 2008 è stato nominato direttore artistico di Dunhill dove è rimasto tre anni. Successivamente è stato reclutato per sostituire Paul Helbers da Louis Vuitton.

Lo scorso ottobre Louis Vuitton ha aperto le porte della sua nuova maison al numero 2 di place Vendôme, in due spettacolari palazzi costruiti nel 1714: l’Hôtel Baudet de Morlet e l’Hôtel Heuzé de Vologer. In questa sede si troveranno accessori da viaggio e bagagli, ready-to-wear (uomo e donna), gioielli, orologi, pelletteria, scarpe, profumi, accessori e i laboratori.

La griffe ha realizzato la sede con l'obiettivo di far sapere che non ha più un serio concorrente a livello di gloria e di prestigio. Per sostenere tutto ciò ha scelto simboli suggestivi: il Palazzo di Versailles (progettato e costruito, come i palazzi sontuosi di Place Vendôme, da Jules Hardouin-Mansard) e il Re Sole. Insomma, il messaggio è chiaro: se Versailles doveva essere la culla del lusso alla francese, un epicentro da cui si irradiava l'artigianato e il know how francese nel mondo, ora, Place Vendôme è il cuore del lusso moderno. Il tutto, quindi, in una combinazione di tradizione e modernità.

Foto: Kim Jones, Credit Patrick Kovarik / AFP
 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO