La moda dice addio a Carla Fendi

E' morta ieri, a Roma, Carla Fendi. La stilista era malata da tempo e aveva 80 anni. Quarta delle sorelle Fendi, dopo gli studi classici Carla entram alla fine degli anni '50, nell'azienda di famiglia a fianco delle sorelle Paola, Anna, Franca e poi Alda.

Carla Fendi ha lavorato, a fianco di Karl Lagerfeld, alla progettazione delle linee della maison

La sua formazione si completa in settori diversi facendo esperienze nell’amministrazione, nella produzione, nella vendite, nella progettazione dove lavora, insieme alle sorelle, a fianco di Karl Lagerfeld.

Parallelamente già dagli anni sessanta si dedica al settore delle relazioni pubbliche puntando innanzitutto sul mercato più difficile, quello americano, i cui successi ottenuti hanno definitivamente sancito la fama di Fendi in tutto il mondo. Con la crescita e lo sviluppo dell’azienda Carla Fendi, pur continuando a collaborare alla creazione si occupa in modo specifico della comunicazione, dall’ufficio stampa, alla pubblicità, all’immagine, alle manifestazioni.

La moda dice addio a Carla Fendi

E proprio nell’ambito delle manifestazioni che nasce negli anni ’80 il suo grande interesse per Spoleto e per il suo Festival. Erano gli anni del Maestro Giancarlo Menotti e mentre il Festival dei due Mondi diventava uno degli eventi più importanti della cultura italiana Carla Fendi, nel suo ruolo di responsabile della comunicazione, sceglie di legare il marchio Fendi alla manifestazione.

La Fondazione Carla Fendi nasce nel 2007 con lo scopo principale di dare contributo e assistenza per preservare beni e valori culturali del passato e per garantirne la continuità e la crescita nel futuro, muovendosi nel campo dell'arte, della letteratura, del cinema, della moda, dell'ambiente e del sociale.

Con questo spirito, la Fondazione ha promosso eventi e supportato progetti nell'ambito della difesa ambientale, mentre sostiene la pubblicazione di opere letterarie, opere d'arte e libri. Oltre al Festival dei Due Mondi, la Fondazione sostiene dal 2010 l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia in qualità di socio mecenate. Ha restaurato il Teatro Caio Melisso a Spoleto e sostenuto la creazione del presepe creato nel dicembre 2015 da Giosetta Fioroni nella Basilica di Santa Maria in Montesanto a Roma, la chiesa degli Artisti dove prosegue la consuetudine, nata negli anni Cinquanta con monsignor Ennio Francia, di coinvolgere gli artisti nella realizzazione di opere sacre.

Foto: Fondazione Carla Fendi website, Fendi website

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO