• Home
  • News
  • Persone
  • PVH: Stefan Larsson è il nuovo ceo

Persone

PVH: Stefan Larsson è il nuovo ceo

Scritto da Isabella Naef

1 ott 2020

Pvh, cui fanno capo Calvin Klein e Tommy Hilfiger, ha annunciato un piano di successione ai vertici che sarà attuato a febbraio 2021. Stefan Larsson, entrato in azienda a giugno 2019 con il ruolo di presidente, sarà nominato amministratore delegato a partire dal primo febbraio. Il manager succede a Manny Chirico, in carica come ceo dal 2006.

Chirico continuerà a ricoprire il ruolo di presidente del consiglio di amministrazione. "È stato un privilegio lavorare fianco a fianco di Manny negli ultimi mesi e imparare in prima persona come ha fatto a far diventare Pvh una delle aziende di moda e lifestyle più ammirate al mondo guidando una crescita impressionante", ha sottolineato, attraverso una nota, Larsson. "È un onore salire alla guida di questa azienda eccezionale e non vedo l'ora di continuare ad assistere alla sua evoluzione".

Prima di approdare in Pvh Larsson ha ricoperto il ruolo di ceo di Ralph Lauren.

Stefan Larsson, entrato in azienda a giugno 2019 con il ruolo di presidente, sarà nominato amministratore delegato a partire dal primo febbraio 2021

In qualità di presidente, Chirico continuerà a guidare il board di Pvh e a lavorare con Larsson per garantire una transizione di successo.

Recentemente, Tommy Hilfiger, come molti altri marchi hanno fatto negli ultimi due anni, ha annunciato il lancio di una nuova piattaforma in risposta al movimento Black lives matter, che cercherà di far progredire la rappresentazione dei neri, degli indigeni e delle persone di colore (Black, indigenous and people of colour, Bipoc) che lavorano all'interno dell'industria della moda e della creatività. Battezzata "People's place program", l'iniziativa prende il nome dal primo negozio di Tommy Hilfiger aperto nel 1969 nella città natale di Hilfiger, Elmira, New York, e avrà un impegno iniziale minimo di 5 milioni di dollari americani in finanziamenti annuali per i prossimi tre anni.

"Quello che sta succedendo alle comunità nere negli Stati Uniti e in tutto il mondo non dovrebbe trovare posto nella nostra società", ha detto qualche settimana fa Tommy Hilfiger, in una nota. "Il fatto che abbia continuato ad esistere nel nostro settore, apertamente e sistematicamente, è inaccettabile. Siamo molto indietro rispetto a dove dovremmo essere per ottenere una rappresentanza diversificata".

Sui risultati economici e finanziari di Pvh Corp.nei primi tre mesi ha pesato molto la chiusura legata alla pandemia da Covid-19. Nel primo trimestre del 2020 è stato registrato un calo senza precedenti dei ricavi e degli utili. Numeri alla mano, il fatturato del primo trimestre è sceso del 43 per cento a quota 1,344 miliardi di dollari, ed è diminuito del 42 per cento a valuta costante rispetto al periodo dell'anno precedente. La perdita per azione su base Gaap è stata di 15,37 dollari rispetto all'utile per azione di 1,08 dollari e la perdita per azione su base non Gaap è stata di 3,03 dollari rispetto all'utile per azione di 2,46 dollari nel periodo dell'anno precedente.

Foto: Tommy Hilfiger, Facebook