• Home
  • News
  • Persone
  • Ritratto: Marta Ortega, un'ereditiera a capo dell'impero Zara

Ritratto: Marta Ortega, un'ereditiera a capo dell'impero Zara

Scritto da Isabella Naef

31 mar 2022

Persone

OSCAR GONZALEZ / NURPHOTO / NURPHOTO VIA AFP
Madrid - A 38 anni sarà la donna più potente del mondo del prêt-à-porter: Marta Ortega, figlia del multimiliardario Amancio Ortega, prenderà domani, primo aprile, le redini del colosso spagnolo Inditex, casa madre di Zara, in un momento chiave per il futuro del gruppo.

A 38 anni sarà la donna più potente del mondo del prêt-à-porter

Descritta come discreta e riservata, la più giovane dei tre figli di Ortega era stata indicata da diversi anni per succedere a suo padre alla testa della holding con 6.500 negozi e 174.000 dipendenti. Ma è stato solo in autunno che la sua nomina è stata ufficializzata, come parte di una riorganizzazione orchestrata dallo stesso Amancio Ortega, dopo dieci anni di "reggenza" del suo ex braccio destro Pablo Isla, fautore dell'espansione internazionale del gruppo.

"Stiamo preparando questa transizione da molto tempo", ha detto Pablo Isla in una conferenza stampa. "Marta è stata con l'azienda per 15 anni. Ha gestito molti progetti" e "lo conosce a fondo", ha insistito.

Nata il 10 gennaio 1984 dall'unione tra il miliardario e la sua seconda moglie Flora Perez, Marta Ortega, dalla figura snella e dai capelli biondi, è cresciuta a A Coruña, una città della Galizia sulla punta occidentale della Spagna, con la sorellastra Sandra e il fratellastro Marcos. Si è laureata alla European business school di Londra nel 2007 e ha mosso i primi passi, in incognito, nel gruppo familiare come commessa in un negozio Zara nella capitale britannica, dopo aver frequentato un collegio religioso in Galizia e poi una prestigiosa scuola privata in Svizzera. "La prima settimana ho pensato che non sarei sopravvissuta. Ma poi, in un certo senso è come se si diventasse "dipendenti" dal negozio", ha detto l'appassionato di equitazione al Wall Street Journal in una rara intervista. Ma secondo il quotidiano spagnolo El País, i suoi colleghi, sorpresi di vedere un orologio Rolex al suo polso, hanno subito capito chi era.

Mancanza di esperienza?

Marta Ortega "è stata immersa nell'azienda da quando era molto giovane" e ha creato "molti legami con il mondo della moda", ha detto all'Afp, Alfred Vernis, professore alla Esade business school ed ex dirigente del gruppo tessile.

La figlia di Amancio Ortega, che vive a A Coruña con il suo secondo marito Carlos Torretta e i suoi due figli, ha lavorato negli ultimi anni per supervisionare il design e lo sviluppo upmarket del marchio spagnolo, anche se non ha ricoperto una posizione esecutiva oppure gestito una filiale. Questo background spiega in parte la sua mancanza di notorietà: la giovane donna non ha quasi mai parlato nei media, anche se è apparsa più volte in foto sui giornali in occasione di eventi equestri.

La sua mancanza di esperienza nella gestione e nella finanza sarà un handicap? Quando la sua nomina è stata annunciata, il forte calo del prezzo delle azioni ha mostrato la preoccupazione del mercato. Ma da allora, queste paure sembrano essere svanite.

Marta Ortega, che riceverà un milione di euro all'anno, "è stata ben preparata" e sarà "ben circondata", dice Alfred Vernis, che sottolinea che due dei suoi zii materni occupano posizioni dirigenziali nel gruppo: uno a capo di Zara, l'altro del marchio Massimo Dutti.

Anno complicato 2022

Inoltre, la giovane donna avrà la presidenza del gruppo e non la sua direzione generale, che sarà affidata a Oscar García Maceiras, già del gigante bancario Santander. "È lui che prenderà le decisioni esecutive", anche se "avrà un ruolo da giocare" di fronte alle sfide che il gruppo deve affrontare, sottolinea il ricercatore.

Fondato nel 1985 da Amancio Ortega, figlio di un ferroviere e autodidatta che è diventato l'uomo più ricco di Spagna, il leader mondiale della moda economica si prepara a un anno complicato nel 2022, a causa della guerra in Ucraina, che lo ha portato a sospendere le operazioni nei suoi 502 negozi russi.

L'azienda ha anche intrapreso una delicata "svolta verde" per ridurre il suo impatto ambientale: l'industria tessile è una delle più inquinanti del mondo. Tuttavia, c'è ancora "una lunga strada da percorrere" in questo settore, sottolinea Vernis, per il quale questo cambiamento "avrà un costo significativo" per Inditex.

Fonte: Afp, originariamente pubblicato su Fashionunited.fr e poi tradotto su Fashionunited.it

AMANCIO ORTEGA
INDITEX
Marta Ortega
MASSIMO DUTTI
ZARA