(annuncio pubblicitario)
(annuncio pubblicitario)
La Rinascente protagonista di una mostra a Parma

Sarà inaugurata domenica 7 maggio, presso l’Archivio-Museo Csac, Centro studi e archivio della comunicazione dell’Università di Parma, la mostra Objets trouvés – Archivi per un grande magazzino: un percorso espositivo tra fotografia, grafica, architettura, design e moda, che occuperà gli spazi di diverse sezioni della Chiesa e della sala delle colonne all’interno dell’Abbazia di Valserena (Parma), nell’ambito del programma 2017 di Fotografia europea dal titolo "Mappe del tempo. Memoria, archivi, futuro, in programma a Reggio Emilia dal 5 maggio al 9 luglio. La mostra Objets trouvés, Archivi per un grande magazzino: un percorso espositivo tra fotografia, grafica, architettura, design e moda, sarà in scena fino al 30 ottobre.

La Rinascente fa capo, dal 2011, a Central retail corporation

Il ‘grande magazzino’, e in particolare un committente come la Rinascente, nella sua duplice dimensione di grande oggetto urbano e di labirinto di merci e di desideri, è stato assunto dallo Csac, si legge in una nota, come un campo di indagine particolarmente calzante per rappresentare un archivio di immagini e progetti del ‘900 come l’Archivio-Museo Csac.

Il punto di avvio dell’indagine sono state le campagne fotografiche commissionate a Publifoto Roma che hanno documentato la costruzione della nuova sede della Rinascente progettata da Franco Albini, in piazza Fiume a Roma (1959/62), e gli allestimenti di vetrine del grande magazzino romano che cadenzano le stagioni della moda e della vita della famiglia italiana dal 1955 al 1957. Da queste campagne si irraggiano molteplici storie di progetto e rappresentazione di oggetti, abiti e architetture. Altri objet che emergono dagli archivi consentono un discorso sulla specificità della fotografia. Si tratta di quelle ricerche che indagano la dimensione del doppio, il tema del riflesso, del frammento, oppure della dimensione urbana della vetrina, dagli anni Venti e Trenta (Florence Henri, Man Ray, Stefani), agli anni Settanta (Fabio Mauri, Paola Mattioli, Ugo la Pietra, Luigi Ghirri).

Per la moda il percorso va dagli anni Venti agli anni Sessanta e mostra la presentazione dell’abito attraverso diversi media, dalla pubblicità su rivista alla fotografia delle sfilate e delle vetrine, al catalogo di moda; saranno presenti anche diversi bozzetti tra cui alcuni di Ballester, John Guida, degli Atelier Antonelli e Albertina, di Schubert, i disegni di Brunetta e il progetto grafico di Roberto Sambonet in dialogo con i manifesti anni Sessanta di Giancarlo Iliprandi.

Una storia molto lunga quella della Rinscente che, nel 2011, è stata acquisita dal gruppo tailandese Central retail corporation. I 10 negozi italiani della catena hanno un giro d'affari pari a 520 milioni, di cui 350 milioni arrivano dal grande magazzino di piazza Duomo, a Milano.

La Rinascente, fondata nel 1865 dai fratelli Luigi e Ferdinando Bocconi, conta diverse filiali in Italia, tra cui Roma, Firenze, Cagliari, Catania e Torino. Nel giugno 2015 il gruppo ha acquisito il 50 percento dei grandi magazzini tedeschi KaDeWe, che hanno negozi a Berlino, Amburgo e Monaco.

Foto: La Rinascente web site