Florence Calling: Raf Simons. Lo stilista sarà a Pitti a giugno

Raf Simons torna a Firenze. Ieri, il management di Pitti Immagine, ha infatti annunciato Florence calling: Raf Simons, un evento che celebra il ritorno a Firenze, di uno dei grandi innovatori della moda contemporanea. Il salone fiorentino, in agenda dal 14 al 17 giugno, ospiterà quindi il designer.

“Firenze ha un posto speciale nel mio cuore nel corso degli anni sono tornato regolarmente per presentare il mio lavoro, oppure per collaborare a progetti che rispecchiassero la mia visione personale. Sono entusiasta di essere di nuovo a Firenze questa stagione, per presentare la mia collezione primavera estate 2017 e un progetto speciale che realizzerò proprio per Pitti”, ha detto Simons.

Raf Simons: "sono entusiasta di essere di nuovo a Firenze questa stagione"

“Siamo felici e orgogliosi del ritorno di Raf Simons a Firenze”, ha sottolineato Lapo Cianchi, direttore comunicazione ed eventi di Pitti Immagine. “Simons è stato protagonista di alcuni degli eventi più belli realizzati in occasione di Pitti Immagine Uomo: la mostra “Il Quarto Sesso. Il territorio estremo dell’adolescenza” (2003), che lui curò insieme a Francesco Bonami; il fashion show, la video installazione e il libro prodotti e presentati per festeggiare i primi dieci anni del suo marchio (2005), fino alla sfilata di Jil Sander (2010), di cui al tempo era creative director. Ci piace pensare che Raf Simons trovi a Firenze il contesto e l’occasione ideali per fare il punto sul suo progetto professionale e umano, per trovare energia e ispirazione in vista degli impegni futuri”.

Gosha Rubchinskiy, invece, sarà il menswear guest designer della prossima edizione di Pitti Uomo. Fausto Puglisi sarà il Pitti Italics special event, mentre Visvim, il designer project e Lucio Vanotti sarà al centro di un altro evento del programma Pitti Italics. Classe 1976, siciliano, Puglisi ha una visione che riflette il contrasto e l’astrazione tra le origini italiane e la fascinazione per le diverse sfaccettature della cultura e controcultura americana. Le sue collezioni sono sartoriali; i tessuti sono quelli della tradizione classica; le cifre stilistiche il color-block, i tagli a sbieco, le applicazioni metalliche e i ricami a mano. "La partecipazione a Pitti Uomo offrirà a Fausto Puglisi lo spunto e l’occasione per lanciare in anteprima internazionale una prima capsule di moda uomo, che sarà presentata insieme alla Resort donna 2017", ha sottolineato il management di Pitti in un nota.

La scelta del menswear guest designer è ricaduta su Rubchinskiy, stilista che coniuga un’estetica dura e struggente delle culture giovanili della Russia post sovietica con inflessioni sportswear e suggestioni artistiche provenienti dalla fotografia e dal cinema. "Il menswear di Gosha Rubchinskiy si è imposto alla attenzione della comunità internazionale della moda nel giro di poche stagioni, e dal 2012 il brand è prodotto e distribuito da Comme des Garçons. In occasione di Pitti Uomo Gosha Rubchinskiy presenterà la collezione primavera estate 2017 insieme a un progetto fotografico concepito per questo evento", ha spiegato il management di Pitti in una nota stampa.

Foto: Raf Simons by Willy Vanderperre
 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO