Baldinini fa rotta su Mosca e sulla Cina

Baldinini fa rotta su Mosca. La maison calzaturiera con quartier generale a San Mauro Pascoli in provincia di Forlì-Cesena, fondata nel 1910, prosegue la sua strategia di potenziamento retail in Russia e nei mercati emergenti.

L'azienda conta attualmente 100 boutique in franchising e 300 clienti multibrand in Russia ed è impegnata nella realizzazione di una nuova filiale su questo mercato. La sede sarà inaugurata per la fine del 2016.

“La Russia è da sempre uno dei nostri mercati di riferimento. L’apertura di un headquarter è la naturale evoluzione di una presenza trentennale sul territorio che ci vede protagonisti del settore calzature e accessori made in Italy, anche nei paesi dell’ex unione sovietica: Ucraina, Kazakistan, Bielorussia, Azerbeijan, Mongolia, Uzbekistan e Tagikistan”, ha detto Gimmi Baldinini, ceo dell'omonima azienda.

La nuova sede in Russia dell’azienda occuperà una superficie di circa 1000 metri quadrati nel cuore di Mosca in Obraszova Street, poco lontano dal complesso sportivo Olimpisky.

L’export, bilanciato fra paesi a economia cosiddetta matura come l’Europa, e i mercati emergenti dall’altro, pesa per il 65 percento sul giro d’affari complessivo della società, che negli ultimi tre esercizi si è attestato sui 100 milioni di euro.

“L’obiettivo è di rafforzare la nostra presenza anche in Medio Oriente e in Cina", ha aggiunto Baldinini, "nei nostri piani c’è un nuovo monomarca in Iran mentre per quanto riguarda il mercato cinese, dopo Pechino, ci dedicheremo ad altre città altrettanto appetibili per il nostro business: fra queste Shangai, Hangzhou e Shenyang”.

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO