I retail manager non conoscono bene i consumatori

I retail manager delle aziende della moda e non solo, non conoscono così bene come dovrebbero i loro clienti e sottovalutano l'impatto dei prezzi dei capi nelle scelte d'acquisto.

First Insight: i retail manager delle aziende sottovalutano l'impatto dei prezzi nelle scelte d'acquisto

Questo quanto è emerso da un'indagine sui consumatori dell'azienda americana First Insight, Inc., società che supporta i retailer e i brand nelle strategie sui clienti e distributive.

L'azienda, che ha recentemente analizzato dati dei consumatori e dei dirigenti senior del retail sulle abitudini di acquisto dei clienti,, ha rilevato che entrambi i gruppi hanno definito la qualità il fattore più importante nelle decisioni di acquisto (circa il 50 per cento per entrambi i gruppi di intervistati); ma solo il 20 percento dei retail manager riteneva che il basso prezzo fosse considerato il criterio più importante, percentuale che sale a quasi il 40 per cento dei consumatori.

First Insight, Inc, che ha sede a Warrendale, negli Stati Uniti, ha clienti come Marks and Spencer Pandora, Crocs, Under Armour.

Quasi nessun dirigente senior del settore retail ha riconosciuto l'impatto degli smart speaker

Lo studio evidenzia un divario di percezione significativo tra i dirigenti senior e i consumatori sul panorama corrente dei prezzi. Il 20 per cento dei dirigenti senior del settore retail ritiene che i consumatori pensino che i prezzi nei negozi siano più alti, mentre effettivamente a pensarlo è il 60 per cento dei clienti.

Lo studio è basato sui dati ottenuti da un'indagine su un campione di mille consumatori realizzata a dicembre 2017 e a settembre, e sulle informazioni analizzate intervistando 41 retail senior executive manager, a ottobre 2018.

"Mentre tutti sono d'accordo sul fatto che la qualità dei prodotti sia il fattore più importante nelle decisioni di acquisto in questo momento, questi dati mostrano che i consumatori sono più preoccupati dei prezzi di quanto non credano molti decision maker del settore retail", ha detto Greg Petro, ceo e fondatore di First Insight .

I risultati del sondaggio indicano anche che, mentre la maggior parte dei senior retail manager ritiene che la tecnologia mobile abbia l'impatto più forte sul proprio business (80 per cento), quasi nessun dirigente senior del settore retail ha riconosciuto l'impatto degli smart speaker. Questi ultimi, sempre più diffusi, sono veri e propri mezzi fisici con cui l’utente interagisce attraverso un sistema di riconoscimento vocale.

Stiamo parlando di Amazon Alexa e Google Assistant, per esempio, in grado di ascoltare le richieste dei consumatori, di interpretarle e di eseguire un acquisto a seguito di un ordine effettuato a voce esattamente come si farebbe in un negozio..

Il numero di consumatori che affermano di possedere altoparlanti intelligenti è salito dal 75 al 42 per cento degli intervistati rispetto a un sondaggio analogo, realizzato lo scorso dicembre. La maggior parte dei consumatori che possiedono altoparlanti intelligenti li utilizza per la ricerca dei prezzi (59 per cento), un aumento significativo rispetto a dicembre (49 per cento).

Dalla ricerca emerge anche che i manager stanno sottovalutando l'importanza degli sconti in negozio.Sebbene il 36 per cento dei consumatori abbia classificato promozioni di prezzo, disponibilità di coupon o prezzi migliori come uno dei primi tre fattori che li inducono a fare acquisti nei negozi fisici rispetto all'acquisto di prodotti online, il sondaggio ha svelato che solo il 12 per cento dei dirigenti al dettaglio classifica questi fattori come importanti per consumatori.

Il 78 per cento dei senior executive ritiene che i consumatori acquistino attraverso i dispositivi mobili molto frequentemente (6 o più volte al mese), ma solo il 47 per cento dei consumatori ha riferito di fare acquisti spesso. Detto questo, il numero di consumatori che stanno effettuando uno o più acquisti online al mese sta aumentando. Rispetto allo scorso dicembre, il numero di consumatori che hanno risposto di non fare acquisti tramite dispositivi mobili è sceso dal 34 per cento al 19 per cento.

Foto: by rawpixel.com from Pexels

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO