(annuncio pubblicitario)
(annuncio pubblicitario)
Il gruppo Teddy prevede 100 aperture nel 2018

Prosegue lo sviluppo del gruppo Teddy, cui fanno capo le catene di negozi a insegna Terranova, Calliope e Rinascimento.

Tra fine anno e inizio 2018 sono previste nuove aperture in Svizzera, che rappresenta un nuovo mercato per l'azienda, e in Iraq.

Per il 2018 l’obiettivo di Teddy è quello di superare le 100 nuove inaugurazioni, aumentando la metratura dei punti vendita.

"Un ritmo di crescita che consente all’azienda di autofinanziare pressoché integralmente il proprio sviluppo" ha spiegato il management dell'azienda in una nota.

Per il 2018 l’obiettivo di Teddy è quello di superare le 100 nuove inaugurazioni

Nel dettaglio, per il prossimo anno l’obiettivo è di superare i 100 nuovi punti vendita, "con conseguenti positivi riflessi sul fatturato, aumentando contestualmente la metratura media dei negozi. Va infatti in questa direzione il riposizionamento del brand Terranova che sta arrivando a compimento dopo diversi anni di lavoro", si legge in una nota.

Il sogno di Vittorio Tadei, fondatore della società è di costruire “una grande azienda che guadagni molto per creare occupazione e una parte degli utili destinarli a opere sociali, sia in Italia, sia all'estero”.

Tra le direttrici delle nuove aperture nel 2017 Nord Africa, Medio Oriente e Asia Centrale con Egitto, Arabia Saudita, Qatar, Kazakistan, Kirghistan e città quali Il Cairo e Abha. Anche l’Europa dell’Est è stata protagonista dello sviluppo della rete dei marchi di Teddy con espansione in Paesi come Russia, Bielorussia, Croazia, Serbia, Romania, Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia.

L’Italia, infine, è stata importante per i positivi sviluppi del Gruppo Teddy "con inaugurazioni da Nord a Sud della Penisola in capoluoghi come Torino, Verona, Parma, Mantova, Ravenna, Pesaro, Roma e Siracusa". “La forza di Teddy e il valore imprenditoriale del gruppo sono testimoniati dalla capacità di crescere in due mercati che hanno vissuto importanti criticità come Russia ed Egitto", ha detto il direttore sviluppo del gruppo Teddy, Pierluigi Marinelli.

“Due nostri pilastri strategici come la formula del franchising in conto vendita e la convinzione che il cliente finale debba essere al centro delle nostre scelte commerciali continuano a rivelarsi vincenti e contribuiscono a renderci protagonisti nel mercato globale del fast fashion”, ha concluso Marinelli.

Il gruppo, che oltre a Terranova e Calliope, commercializza anche i marchi Rinascimento e Miss Miss, è presente tramite le attività retail (negozi monomarca) e wholesale (ingrossi) in circa 50 nazioni di tutto il mondo.

I ricavi netti consolidati del gruppo nel 2016 sono risultati in crescita del 10,4 percento rispetto al 2015 (563,9 milioni di euro), a quota 622,2 milioni per il gruppo del fast fashion Teddy, cui fanno capo i marchi Terranova, Calliope, Rinascimento e Miss Miss. Il 52,6 percento del fatturato consolidato è stato realizzato sui mercati esteri.

Foto: Gruppo Teddy press office