Intesa tra Ice e Amazon per l'ecommerce delle pmi

Ieri Agenzia Ice e Amazon hanno annunciato la sigla di un’intesa volta a sostenere circa 600 piccole e medie imprese italiane per sviluppare le vendite e promuovere la cultura e l’imprenditorialità italiana in Italia, Regno Unito, Francia, Germania, Spagna e Stati Uniti.

Nel dettaglio, l’accordo prevede la realizzazione di un piano di sviluppo per l’inserimento di nuove aziende e dei loro prodotti nella vetrina di Amazon dedicata esclusivamente al made in Italy, per la formazione e il supporto alle imprese nelle vendite online, e per attività di marketing che promuovano i prodotti e spingano le vendite all’estero.

In Italia l'eommerce è pari a poco più del 4 per cento del valore del mercato ecommerce statunitense (620 miliardi di euro)

Il colosso dell'ecommerce ha archiviato il primo trimestre con vendite nette in aumento del 17 per cento, raggiungendo i 59,7 miliardi di dollari. L'utile netto dell'azienda è cresciuto da 1,6 miliardi di dollari dello stesso periodo dello scorso anno, a 3,6 miliardi di dollari.

Le previsioni del secondo trimestre parlano di una cifra compresa tra i 59,5 miliardi di dollari e i 63,5 miliardi di dollari.

Tornando all'accordo con Ice, "le nuove linee di indirizzo di Ice Agenzia", ha sottolineato Carlo Ferro, presidente dell’agenzia Ice, "pongono fra le priorità sia le pmi, sia i servizi per accelerare l’adozione dei processi digitali a supporto dell’export. Questo accordo è un primo step nella direzione di ridurre il gap di accesso all’export online per le piccole e media imprese italiane. È un progetto che abbiamo calibrato sulle piccole e medie imprese con un focus specifico sulle aziende che ancora non esportano. Contiamo di coinvolgere almeno 600 pmi offrendo loro traffico, visibilità e vendite in 5 mercati tra i più importanti dell’ecommerce occidentale. Altre iniziative seguiranno per offrire alle imprese un “menu” di soluzioni customizzate per accelerare il commercio online su tutti i principali mercati”.

Amazon ha iniziato a diventare un motore per la crescita delle piccole e medie imprese fin dal lancio, nel 2000, dei negozi per i venditori terzi. Oltre la metà di tutti i prodotti venduti sui siti Amazon nel mondo provengono da milioni di piccole e medie imprese, incluse le oltre 12 mila piccole e medie imprese italiane che hanno raggiunto la cifra di oltre 500 milioni di vendite all’estero nel 2018, con una crescita costante di più del 50 per cento anno su anno.

"Fin dal giorno in cui abbiamo lanciato Amazon in Italia, abbiamo investito nell’imprenditoria italiana. Abbiamo costruito una serie di strumenti di supporto e di servizi che aiutassero le piccole e medie imprese ad avviare la propria attività online e a vendere facilmente nel mondo attraverso i 19 siti di Amazon, in 12 lingue, per raggiungere milioni di potenziali nuovi clienti”, ha affermato Mariangela Marseglia, country manager di Amazon.it e Amazon.es.

Questa intesa si basa su tre aree chiave: recruiting di nuove aziende ed inserimento di nuovi prodotti nella vetrina made in Italy di Amazon, formazione e supporto alle piccole e medie imprese italiane che hanno avuto accesso al progetto e sviluppo di attività di marketing per la promozione alle vendite online.

Secondo Riccardo Mangiarqacina, direttore dell'Osservatorio Export ed ecommerce B2c del Politecnico di Milano, il canale digitale sta diventando sempre più rilevante nell’accesso ai mercati internazionali. L’ecommerce nel mondo è cresciuto del 20 per cento nel 2018, raggiungendo il valore di 2500 miliardi di euro.

In Italia, tuttavia, non si riesce ancora a sfruttare pienamente le opportunità che l’ecommerce offre a livello globale. Dati alla mano, in Italia il valore della domanda ecommerce ha raggiunto, nel 2018, i 27,4 miliardi di euro. Nonostante il dato sia in crescita (+16%), in Italia l'eommerce è pari a poco più del 4 per cento del valore del mercato ecommerce statunitense (620 miliardi di euro) e a meno del 3 per cento di quello cinese (1000 miliardi di euro).

Foto: Amazon website

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO