Planet: tax free in Europa a maggio in crescita del 7 per cento

La performance dello shopping esentasse a maggio si è mantenuta in linea col trend positivo del mese precedente, con una crescita nelle vendite tax free estremamente rilevante del +7 per cento. Questo incremento, seppur leggermente in calo rispetto al +11 per cento registrato ad aprile, segna l'ottavo mese consecutivo di crescita del comparto in Europa. Si tratta di dati raccolti da Planet, azienda attiva nei servizi di rimborso iva e pagamenti internazionali che ha raccolto le ultime evidenze riguardanti il settore tax free a maggio e rispetto all’aggregato dei primi cinque mesi del 2019.

La crescita, spiega Planet in una nota, ha interessato tutti i primi cinque mercati di destinazione, con Italia e Spagna che hanno registrato le migliori performance; rispettivamente +10 per cento e +7 per cento. Mentre, dal punto di vista delle nazionalità di appartenenza degli shopper, Stati Uniti e Taiwan hanno registrato i migliori risultati del mese, con una crescita rispettivamente del 23 e del 15 per cento.

Considerando l’aggregato da inizio anno, invece, i flussi turistici extra europei verso il continente sono aumentati del +4 per cento rispetto allo stesso periodo del 2018, gli acquisti tax free sono cresciuti del +5 per cento e il valore medio per singola transazione del +4 per cento.

"Con l’estate appena iniziata è fondamentale per i retailer di tutta Europa capire quali strategie adottare per massimizzare il proprio business a fronte delle migliaia di turisti che raggiungeranno il Vecchio Continente nei prossimi mesi", ha sottolineato il management di Planet. "Intercettare i viaggiatori internazionali con approcci basati sulla nazionalità e sulla cultura a cui appartengono è il passo necessario per incrementare sensibilmente il proprio volume d’affari. Infatti, gli shopper Extra Europei spendono in media 3,7 volte di più di quelli domestici e capirne esigenze e peculiarità significa aggiudicarsi una fetta consistente di mercato", hanno spiegato gli esperti.

Scendendo nello specifico della realtà italiana: a maggio, l'Italia, oltre a incrementare le vendite tax free del +10 per cento, a fronte di un +5 per cento, negli arrivi internazionali, ha visto aumentare anche il valore medio per singola transazione del +4 per cento. Una tendenza significativamente positiva che supera quella dei cugini francesi (+6 per cento vendite anno su anno, + 4 per cento scontrino medio e +2 per cento arrivi) e che porta l’Italia a essere l’unico paese dell’Eurozona ad aver registrato crescite in tutti gli indicatori chiave del settore nell’aggregato dei primi cinque mesi dell’anno.

Da inizio 2019 infatti, rispetto all’anno precedente, lo Stivale ha registrato un +7 per cento nelle vendite tax free, un + 4 per cento nel volume di transazioni, un +2 per cento nello scontrino medio e un +3 per cento negli arrivi internazionali.

“Ottimi risultati nel comparto tax free, per l’Europa in generale e per l’Italia in particolare. Un successo che permette di sperare in un’estate di grande fortuna per i retailer di tutto il continente", ha commentato Sara Bernabè, general manager di Planet in Italia. “I turisti extra europei sono una risorsa inestimabile per il settore retail poichè numerosi e altospendenti. Con la stagione estiva appena iniziata, le prospettive d’incremento del business nel comparto sono enormi, così come le opportunità di penetrare in modo efficace target di consumatori provenienti da nuovi paesi in forte ascesa economica. È dunque fondamentale per i nostri retailer e per quelli degli altri paesi europei adottare strategie di vendita accurate e puntuali che possano attrarre gli shopper internazionali tenendo conto delle loro peculiarità culturali", ha aggiunto Bernabè.

Foto: Pexels

 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO