• Home
  • News
  • Retail
  • Save the Duck apre il primo monomarca in Svizzera

Save the Duck apre il primo monomarca in Svizzera

Scritto da Isabella Naef

26 ago 2021

Retail

Save the Duck, marchio di piumini totalmente animal free, approda in Svizzera con il primo monomarca a St.Moritz in Strada Maistra 14. Lo store di 50 metri quadrati si aggiunge a quelli già presenti di Milano Solferino, Milano Dante, Venezia e Hong Kong.

"Sono estremamente soddisfatto del risultato raggiunto e invito tutti a visitare il nostro nuovo monomarca perché ritengo sia assolutamente in linea con il credo Save the Duck", ha commentato Nicolas Bargi, amministratore delegato del marchio che lui stesso ha ideato nel 2011 partendo dalle proprie convinzioni etiche.

"Un traguardo importante che ci porta a quota 5 negozi monomarca a livello globale. Prosegue il nostro investimento sia sul retail, sia sull’online perché crediamo fortemente in un approccio omnicanale. La nostra presenza all’estero continua ad essere molto forte, superando quest’anno il 60 per cento delle vendite, di cui il 20 per cento proveniente dai Paesi Dach, ossia Germania, Austria e Svizzera, ed è per questo che abbiamo deciso di aprire a St.Moritz portando i nostri capi proprio sulle Alpi".

Due gli elementi narrativi ricorrenti nel negozio: il papero “Idol”, mascotte del marchio, che detiene un posto speciale all’interno di tutti gli store e il “ribbon of light”, un nastro luminoso che fa da sfondo ai capi composto da una sequenza di barre in plastica riciclata e strisce di luce a basso consumo. A questi due elementi si affiancano gli ovali che incorniciano il papero, i manichini e i moduli appenderia, studiati per poter disporre i capi in modo da favorirne la visione frontale. Sempre in ottica sostenibilità i moduli e i banconi sono rifiniti con una malta a base di calce naturale e lolla di riso, lo scarto derivante dalla sbramatura del riso grezzo dopo la trebbiatura.

Save The Duck ha chiuso il 2020 con un fatturato a quota 35,5 milioni di euro e un Ebitda del 17 per cento circa e nel 2021 prevede di raggiungere i 48 milioni di euro.

Foto: Save the Duck