• Home
  • News
  • Retail
  • Upim apre in via Marghera, a Milano

Upim apre in via Marghera, a Milano

Scritto da Isabella Naef

17 ott 2019

Retail

Upim, il “family store” italiano, apre a Milano in via Marghera il suo nuovo flagship store. Come spiega il management dell'azienda in una nota, "Upim è di casa": è il claim del brand che intende essere vicino alle famiglie nella vita di tutti i giorni.

Lo store di Milano in via Marghera, copre uno spazio di 1500 metri quadrati con aree di intrattenimento dedicate ai bambini, utilizzabili anche per party privati, nursery, salottini relax.

L'offerta spazia dall’abbigliamento uomo e donna, al bambino e alla casa: il brand Blukids propone collezioni baby (0-36 mesi), kids (2-8 anni) e junior (9-15 anni) che si distinguono per l’uso di cotone organico, cotone proveniente da coltivazioni Better Cotton Initiative e capi certificati OekoTex.

Croff, marchio storico dell’home decoration, dedicato a chi ama il design contemporaneo, facile, informale, da vivere tutti i giorni: collezioni per la tavola, la cucina, il letto, accessori e complementi d’arredo, sempre con un ottimo rapporto qualità prezzo. Già presente in alcune città italiane con il formato stand alone, Croff accelera sullo sviluppo e avvia un piano che prevede l’apertura di nuovi negozi in Italia entro il 2020 con il roll-out del nuovo concept introdotto nel flagship store di Milano, via Marghera.

"Upim è un brand vicino alle famiglie", ha affermato Massimo Iacobelli, direttore generale di Upim, "e alle esigenze concrete dei propri clienti, con prezzi competitivi e una qualità elevata. Nei nostri negozi proponiamo un’esperienza di shopping contemporanea, che si rivolge a un cliente attento, capace di mixare il desiderio con la necessità, la ricerca della qualità con il prezzo adeguato".

Con oltre 400 negozi la catena è presente nei centri città nelle aree di shopping e nelle zone residenziali di tutta Italia. Il brand propone inoltre un’esperienza di shopping online sul proprio sito per l’abbigliamento uomo e donna.

Foto: Upim, dall'ufficio stampa

Upim