Alaïa apre a Londra il primo store fuori dalla Francia

Maison Alaïa ha aperto il suo primo store in Uk, a Londra, al numero 139 di Bond street.

Si tratta del primo flagship store fuori da Parigi. Il negozio, pieno di luce, mostra tutte le collezioni dell'etichetta dal ready-to-wear alla couture, alle scarpe, agli accessori, alle limited edition.

I lavori del negozio sono durati circa un anno e lo store è stato realizzato da artisti e da designer provenienti da tutto il mondo con pezzi che celebrano la luce e la trasparenza.

Londra ricorderà Alaïa con una mostra al Design Museum

Alaïa che è scompraso sei mesi fa, ha seguito personalmente della gestione del team che si è occupato dei lavori del negozio londinese.

Alaïa apre a Londra il primo store fuori dalla Francia

La maison fa capo a Compagnie Financière Richemont dal 2007. L'azienda svizzera ha deciso di valorizzare l'archivio storico del designer anche dopo la sua scomparsa.

Alaïa aveva studiato l'Accademia di Belle Arti di Tunisi, seguendo un corso di scultura. Nel 1957, dopo essersi trasferito a Parigi, diventa assistente d'atelier di Guy Laroche e poi di Christian Dior. In questi anni Alaïa conosce donne che diventeranno muse ispiratrici della sua eleganza, come Cécile de Rothschild e Greta Garbo. Proprio la Garbo incarna la sua icona. Per lei crea pantaloni, pullover e un cappotto dal taglio maschile, capi saranno per sempre pezzi basici del guardaroba femminile.

La linea di ready to wear Azzedine Alaïa esordisce ufficialmente nel 1981 nel suo appartamento di rue de Bellechasse e nel 1982 raggiunge il successo mondiale grazie a una sfilata a New York.

Due anni fa La Galleria Borghese di Roma aveva ospitato una mostra che celebrava il genio della moda di Alaïa.

Alaïa apre a Londra il primo store fuori dalla Francia

Nel 1984 lo stilista vince l'Oscar della moda francese e nel 1990 lancia il total look animalier.

A sei mesi dalla scomparsa, lo stilista verrà ricordato a Londra con una mostra che andrà in scena dal 10 maggio al 7 ottobre nel Design Museum. Oltre trentacinque anni di successi esplorati attraverso una collezione di sessanta abiti scelti dallo stesso designer prima della sua scomparsa, durante un lavoro di scambio con il museo, assieme al curatore Mark Wilson.

Foto: Azzedine Alaïa website, Maison Alaïa
 

Notizie correlate

ALTRE STORIE

 

ULTIMI LAVORI

 

PIÙ LETTO